Ventimiglia ostaggio dei migranti. Il sindaco Pd esplode “Dite alla Boldrini che questi sono criminali”

 «Altro che migranti, questi sono criminali che non meritano solidarietà». Dite alla Boldrini e alla Kyenge che a pronunciare queste frase non è un esponente di centrodestra ma il sindaco Pd di Ventimiglia Enrico

Ioculano «Abbiamo a che fare con delinquenti, non persone in stato di bisogno», ha detto Ioculano  riferendosi all’arrivo di di immigrati dal Maghreb e dalla Tunisia in particolare, ex detenuti liberati con l’amnistia. Ioculano sollecita al ministro dell’Interno Marco Minniti rimpatri più rapidi. «Abbiamo a che fare con soggetti pericolosi. Per questi non esiste alcun tipo di accoglienza che il Comune debba fare e vogliamo rimpatri più spediti», ha detto il sindaco della città ligure, che minaccia reazioni eclatanti.Il sindaco di Ventimiglia si appella a Minniti

«Io ho l’impressione che a Roma – ha proseguito Ioculano – non abbiano informazioni precise su quel che sta accadendo. Non può funzionare così, che sia un sindaco a chiamare direttamente il ministro dell’Interno Minniti per spiegarglielo. Tutte le istituzioni devono fare la loro parte. Se no cosa devo pensare? Che si è deciso di regalare anche questa città della Liguria alla Lega e al centrodestra?».

Ottocento nordafricani stanno terrorizzando la città

A Ventimiglia i reati sono aumentati in modo impressionante. Furti, scippi e aggressioni sono all’ordine del giorno. Vittime, quasi sempre le persone più indifese. Anziani e donne sole.Sui giornali locali è un vero e proprio bollettino di guerra, tanto che il sindaco ha convocato la stampa a palazzo per far conoscere le proprie posizioni. A Ventimiglia, attualmente, ci sono oltre 700 migranti. Di questi 464 sono ospitati al centro di accoglienza istituito dalla Prefettura al Parco Roja e gestito dalla Croce Rossa. Una situazione di massima allerta segnalata anche al prefetto di Imperia Silvana Tizzano che ha chiesto al ministero rinforzi al personale dell’Esercito già presente a Ventimiglia. Ma il governo latita e da Roma arrivano solo le frasi retoriche e gli inviti all’accoglienza e alla solidarietà per i poveri migranti.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *