Violenza sulle donne. 114 femminicidi nei primi 10 mesi del 2017

Sono 114 le donne vittime di femminicidi nei primi 10 mesi del 2017. Lo rivela il quarto rapporto di Eures sul femminicidio in Italia, diffuso in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne che ricorre sabato 25 novembre. Nell’indagine statistica, l’Istituto di ricerca approfondisce dinamiche ed evoluzione del fenomeno segnalando ancora una volta l’inadeguatezza della risposta istituzionale alla domanda di protezione e aiuto delle donne vittime di violenza.

 

Tra il 2015 e il 2016 il numero di femminicidi in Italia  aumentato, passando da 142 a 150 (+5,6%), soprattutto a causa di una forte crescita del fenomeno nelle regioni del Nord e del Centro. Sempre nel 2016 a livello regionale il numero più alto di femminicidi lo si è registrato in Lombardia (25 vittime), seguita da Veneto (17), Campania (nonostante un calo dei casi, passati 31 a 16), Emilia Romagna (13). Nello scorso anno il 76,7% dei femminicidi è maturato in un contesto familiare e affettivo, con una forte connotazione negativa data da possesso e gelosia, ma anche dall’isolamento e dal disagio. Dal 2000 a oggi le donne vittime di omicidio volontario nel nostro Paese sono state 3mila: nel 2016 i femminicidi sono cresciuti rispetto all’anno precedente (+5,6%, da 142 a 150), trend sostanzialmente confermato dai 114 casi – più di uno ogni 3 giorni – dei primi dieci mesi di quest’anno.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *