Atterraggio di emergenza a Vienna, causa flatulenza a bordo

Sul volo Transavia da Dubai ad Amsterdam il pilota è dovuto atterrare per una rissa a bordo del velivolo scatenata

da un passeggero scorreggione. Quattro in totale le persone che non potranno più viaggiare con questa compagnia “Niente più voli per voi”. Così la compagnia aerea Transavia ha punito quattro passeggeri che durante la tratta Dubai-Amsterdam si sono messi a litigare. Il motivo? La flatulenza di uno dei passeggeri. Durante la crociera l’uomo avrebbe ripetutamente scorreggiato rendendo la vita difficile ai vicini di poltrona.Atterraggio d’emergenza

A riportare la notizia è Fox News. I vicini di posto del rumoroso passeggero lo avrebbero ripetutamente invitato a smetterla, chiedendo anche l’intervento dei membri dell’equipaggio. Non migliorando, la situazione è presto degenerata, fino ad arrivare a un vero e proprio litigio che ha costretto il pilota ad ammonire i passeggeri. Tutto inutile, la lite è proseguita e così l’aereo ha dovuto effettuare un atterraggio d’emergenza all’aeroporto di Vienna. Una volta a terra, la polizia è salita a bordo prelevando quattro persone, due donne e altrettanti uomini, indicate dal pilota come “furiose” e presunte responsabili dell’accaduto

I quattro passeggeri sono stati rilasciati senza alcuna accusa formale, ma la compagnia olandese ha vietato loro di viaggiare nuovamente a bordo dei voli Transavia. In una nota ha spiegato di sostenere l’equipaggio per essere intervenuto in una situazione che “metteva a rischio il volo”. Ma le due ragazze espulse non sono d’accordo: “Non abbiamo fatto nulla – ha spiegato a De Telegraaf Nora Lachhab, studentessa di legge di 25 anni -, la nostra sfortuna è stata quella di essere sedute vicino a questi uomini, che non conoscevamo neppure”. Per la giovane, di origini marocchine, “l’esperienza è stata umiliante e lo staff di Transavia si è comportato in modo provocatorio, confondendo quanto successo”. Da parte sua, secondo quanto scrive la stampa olandese, la compagnia starebbe pensando di addebitare i costi dell’imprevisto scalo a Vienna ai quattro passeggeri.

Non è la prima volta che passeggeri esagitati costringono un aereo a un atterraggio d’emergenza: non più di un mese e mezzo fa, il 4 gennaio scorso, un volo United Airlines proveniente da Chicago e diretto a Hong Kong aveva dovuto planare in Alaska perché un passeggero aveva imbrattato la toilette con le sue feci.

agi

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>