Appello a Fico e Casellati: “Convocate le Camere per cambiare il Rosatellum”

A lanciare l’appello è Giorgia Meloni leader del Fratelli d’Italia. Visto l’impasse per la creazione del nuovo governo a causa del Rosatellum la legge

elettorale con cui siamo andati a votare il 4 marzo. Oggi ci ritroviamo in una palude in cui chi ha preso più voti non ha la maggioranza per governare e, per governare, bisogna coalizzarsi. Sulla carta tutto è fattibile ma dopo una campagna elettorale avvelenata tutto è difficile. Prima le consultazioni del Capo dello Stato poi il mandato esplorativo alla Presidente del Senato Casellati hanno dato lo stesso risultato: i veti incrociati. A cominciare dal Movimento che vorrebbe andare a formare il governo con Salvini lasciando fuori Berlusconi, la Lega che farebbe un accordo coi cinquestelle se anche Berlusconi fosse della partita, Salvini che non andrebbe mai al governo col Pd, i democratici vogliono andare all’opposizione di chi non lo sanno neanche loro, visto che non c’e’ una maggioranza, e non vogliono fare accordi con nessuno.. In pratica non se ne esce. Tra le varie ipotesi c’è quella del ritorno al voto in autunno ma se dalle urne non esce un risultato che premia un partito o una coalizione in modo netto, abbiamo sprecato solo soldi e siamo al punto di prima: nessuno sarebbe in grado di avere i numeri per dare un governo al paese. Su questo è intervenuta Giorgia Meloni che ha lanciato questo appello «I presidenti di Senato e Camera,  non attendano il 7 maggio ma convochino subito il Parlamento per modificare la legge elettorale con l’introduzione di premio di maggioranza al partito o coalizione che ha presom più voti».  «Questo permetterebbe, in caso di ritorno al voto, di sapere il giorno delle elezioni chi ha vinto, chi deve governare e con quale maggioranza. Ci rivolgiamo ai capigruppo di tutte le altre forze politiche presenti in Parlamento affinché sostengano la proposta di FdI: questo non è il momento di perdere tempo, ma di essere responsabili nei confronti degli italiani».

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *