Germania: sparatorie ad Hanau 11 morti e 5 feriti

Undici persone (tra cui il killer) sono morte in due sparatorie verificatesi in due diversi locali di Hanau, in Germania.

  La strage è avvenuta in due locali frequentati da turchi e curdi. Altre cinque persone sono rimaste ferite in maniera gravissima. Qualcuno avrebbe sparato da un’auto in corsa. Almeno una persona sarebbe stata arrestata. L’autore della strage, Tobias R, è stato trovato poi morto in casa. Morta anche la madre. “Il probabile autore è stato trovato senza vita nella sua casa di Hanau”, ha segnalato su Twitter la polizia dell’Assia Sud-orientale. “Le forze speciali hanno anche scoperto un altro cadavere nello stesso luogo. L’inchiesta è in corso.”

Come riporta TGCOM24, gli inquirenti hanno inoltre ritrovato un video e uno scritto dello stragista di Hanau: Tobias R., avrebbe scritto che alcuni popoli, che non si possono più espellere dalla Germania, devono essere annientati. Lo scrive scrive Bild online, riferendo del movente che avrebbe spinto l’uomo a sparare all’impazzata davanti a due locali di narghilè. Secondo la Bild, l’attacco si sarebbe svolto in due fasi: una prima sparatoria in un locale e una successiva quando altri colpi sono stati esplosi da un’auto in corsa. I primi colpi sono stati sparati sparati a Kurt-Schumacher-Platz, una piazza centrale nel distretto di Kesselstadt. 

 La strage di Hanau è stata classificata come un atto di “terrorismo” dagli inquirenti. Lo ha detto il ministro dell’Interno dell’Assia, Peter Beuth, confermando nel parlamento regionale che il movente della strage sia stato l’omofobia. Tesi omofobe sono infatti contenute in una pagina su internet prodotta dal giovane, un ragazzo di 23 anni di Hanau. “Condanno questo massacro che attenta alla pace e alla libertà della nostra società”, ha affermato il ministro.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: