Sette giornate al termine della regular season: sarà un mese di fuoco, un vero e proprio volatone che la Academy inizierà domenica prossima al PalaPirastu contro la Assigeco Piacenza; di queste sette ultime gare, bisognerà vincerne come minimo quattro/cinque per raggiungere i 24 punti in classifica che dovrebbero bastare per salvarsi tranquilli; e poi l’importante è anche mettere al sicuro la salvezza il più presto possibile, posto che sulle ultime due di campionato contro Fortitudo Bologna e Montegranaro non si può fare affidamento, data la levatura degli avversari.

La conseguenza è che la Academy è determinatissima nell’affrontare la gara di domenica con l’obiettivo irrinunciabile di vincere, senza se e senza ma: i primi due punti improrogabili di avvicinamento alla salvezza sicura, vanno messi in cascina proprio domenica pomeriggio.

Il punto della situazione l’ha fatto oggi coach Iacozza, nella conferenza stampa pre-partita: a parte Matrone che è infortunato ad una mano e non giocherà, la squadra sta bene e complice la pausa del campionato per la Coppa Italia, si è rigenerata mentalmente, effettuando al contempo un bel carico fisico in allenamento; quella di domenica, sarà una partita importantissima contro una squadra temibile, che in questo campionato non ha mai preso un’imbarcata e che ha pure vinto contro Treviso e Verona; Piacenza è squadra solida, costruita con un buon gruppo di italiani, un ottima panchina e due americani che hanno conosciuto la NBA.

La Academy dovrà salvarsi con la squadra di base, Diop è rientrato a Sassari e domenica non sarà della partita; anche sul punto Iacozza è stato chiaro: questo non deve essere un cruccio se si pensa che le sette vittorie in campionato sono arrivate senza Diop e per merito dei nostri effettivi.

Per vincere il match di domenica, ci vorrà continuità di gioco, concentrazione ma sopratutto, ribadisce il coach, una buona difesa e quella serenità che ha contraddistinto la squadra nei momenti migliori del campionato, dove si sono prodotti punti in classifica.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *