Anche Medici Senza Frontiere in campo contro il Coronavirus

MSF ha seguito per settimane gli sviluppi della diffusione del nuovo coronavirus ed oggi – come supporto alle autorità sanitarie cinesi e di Hong Kong – ha inviato 3,5 tonnellate di materiale sanitario di protezione, all’ospedale Jinyintan a Wuhan, una delle strutture in prima linea nella cura dei pazienti colpiti. Un’altra tonnellata di dispositivi protettivi sarà donata al servizio di ambulanze St. John a Hong Kong.

L’invio del materiale che è stato spedito dal polo logistico di MSF a Bruxelles attraverso l’associazione Hubei Charity Federation, si aggiunge alle attività di educazione alla salute già avviate dalle équipe di MSF a Hong Kong a beneficio dei gruppi più vulnerabili e di chi può sviluppare patologie gravi in caso di contagio, come anziani o persone in condizioni socio-economiche svantaggiate.

“Ad oggi si contano più di 64.000 casi di coronavirus, il 99% dei quali in Cina – dice Gert Verdonck, coordinatore per l’emergenza coronavirus per MSF – I materiali protettivi sono fondamentali e vogliamo supportare gli operatori sanitari in prima linea contribuendo a fornire le protezioni necessarie per rispondere in sicurezza a un’epidemia di così vasta portata”.

A Hong Kong un’equipe di MSF ha avviato a fine gennaio un progetto di educazione alla salute rivolto alle persone più vulnerabili. Il coinvolgimento delle comunità è un elemento chiave nella risposta a qualsiasi epidemia e questo intervento a Hong Kong si focalizza su persone che hanno scarso accesso alle informazioni mediche più importanti, come chi vive in condizioni socio- economiche svantaggiate, o che possono più facilmente sviluppare patologie gravi se contagiati, come gli anziani.

Oltre a questo, MSF sta inviando una tonnellata di kit per la protezione del personale addetto al servizio di ambulanza St. John di Hong Kong per aiutarlo a portare avanti il proprio lavoro fino a quando le loro scorte non potranno essere rifornite di nuovo. Il loro staff trasporta pazienti ad alto rischio ed è importante garantire che abbiano le protezioni adeguate per lavorare in sicurezza.

Inoltre, negli altri paesi in cui MSF lavora, le nostre équipe si stanno preparando a un’eventuale diffusione dell’epidemia di COVID-19: in particolare nel sud e sud-est asiatico, MSF è in contatto con le autorità sanitarie e ha offerto il proprio supporto in caso diventasse necessario.

Questo include la formazione degli operatori sanitari sulle misure di prevenzione e controllo dell’infezione e attività di educazione alla salute per le persone più vulnerabili e a rischio, simili alle attività svolte da MSF nel 2003 durante l’epidemia di SARS (Sindrome Respiratoria Acuta Grave) provocata da una tipologia correlata di coronavirus.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: