Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Software, reti intelligenti, elaborano dati, cyber- sicurezza,consulenze digitali, realizzano portali web, sviluppano app, hosting e commerciano on line. E’ questo il panorama offerto dalle 1557 imprese artigiane 4.0. dove migliaia di persone vengono impiegate ed apprezzate anche a livello internazionale.
Nell’Isola le aziende registrate a luglio 2018 sono state 2.798, cresciute del 2,9% negli ultimi 3 anni e dell’1,3% negli ultimi 12 mesi confermando quanto la nostra regione sia una terra fertile per lo sviluppo delle attività connesse al web e allo sviluppo della manifattura digitale.
“La progressiva digitalizzazione dell’economia italiana e sarda – commenta Fabio Mereu, VicePresidente Regionale di Confartigianato Imprese Sardegna e artigiano digitale – rafforzata dagli investimenti e incentivi sull’Impresa 4.0, ha creato numerose opportunità di crescita per un settore, come quelle delle imprese digitali, che per tanto tempo non era riuscito a emergere. Le quasi 3mila imprese digitali sardi sono un segnale incoraggiante”
Quanto l’isola digitale sia positivamente “attenzionata” anche a livello mondiale lo dimostrano le parole di Yordie Mebrahtu, CEO di Synergy UX, presente pochi giorni fa a Cagliari a “Sinnova”: “La Sardegna è un terreno fertile per l’innovazione. Un’isola che ospita alcune delle menti più brillanti che stanno costruendo aziende che risolvono problemi del mondo reale. Un ecosistema fatto di imprenditori, liberi pensatori e ribelli”.
Lo sviluppo di questo settore, in ogni caso, è dato anche dalla performance delle aziende italiane che commerciano con l’estero attraverso l’e-commerce, nonostante siano ancora piuttosto indietro rispetto al resto d’Europa.
Secondo i dati elaborati dal Centro Studi di Confartigianato, le imprese italiane che vendono online sono l’8,2% contro la media europea del 17,8% con Paesi come l’Irlanda che arrivano a toccare il 30% (dati 2017). Dietro di noi solo Lussemburgo (8,1), Romania (8) e Bulgaria (7,3). A fare da traino, comunque insufficiente, sono le aziende che vendono online servizi legati al turismo, come gli alloggi e i trasporti, mentre manifattura e costruzioni rappresentano un fanalino di coda.
“Un mercato, dunque, quello dell’e-commerce – riprende Mereu – che per e Pmi è tutto da costruire, con ampi margini di crescita. Certamente sono ancora assolutamente necessari gli incentivi previsti da Impresa 4.0, operazione che sta iniziando a dare i primi frutti. A livello italiano nei primi 8 mesi del 2018 il valore delle vendite di commercio elettronico ha registrato un importante +11,8%”.
Se molte aziende, quindi, sono pronte a cavalcare l’onda della digitalizzazione, il passaggio dal “tradizionale” al “on line” è sempre traumatico tra burocrazia e scarsa conoscenza di mezzi diversi rispetto a quelli tradizionalmente utilizzati.
“Quello della digitalizzazione delle imprese è un percorso ancora lento soprattutto per le realtà che negli anni hanno costruito solide reti commerciali “tradizionali” – rimarca il VicePresidente di Confartigianato Sardegna – anche se sono sempre più quelle che
investono per affacciarsi sul nuovo mercato per i propri scambi. “La trasformazione va gestitasoprattutto durante il passaggio generazionale. Rimandare questo “salto” può significare restare fuori da opportunità di crescita”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *