Ati Ifras e Igea, Pili: “Giunta regionale ha mantenuto impegni per salvaguardia dei lavoratori, ora è fondamentale il ruolo del consiglio”

Cagliari. “Non è corretto, perché non rispondente al vero, affermare che la posizione della Giunta sul piano industriale Igea non è chiara”. Lo dichiara l’assessora all’Industria Anita Pili, in risposta alle affermazioni delle sigle sindacali su alcune vertenze in atto. “Leggo con stupore – dice l’assessora Pili – le dichiarazioni secondo le quali la Giunta non avrebbe agito con la necessaria chiarezza e determinazione. Non risponde al vero, prosegue, nemmeno l’affermazione secondo la quale sarebbero stati ‘infruttuosi’ gli incontri con l’assessorato all’industria. Ad oggi infatti – sottolinea l’assessora – il lavoro realizzato dall’Assessorato all’Industria e dall’intera Giunta Regionale ha consentito la puntuale proroga dei 108 lavoratori ex Ati Ifras, che in assenza di volontà da parte della Giunta Regionale non avrebbe potuto avere seguito. Un impegno che abbiamo puntualmente rispettato. La stabilizzazione dei lavoratori all’interno della società Igea – prosegue Pili – è questione ben diversa, non essendo la competenza riferibile a un atto di Giunta. Occorre una legge regionale che lo disponga, come certamente è noto ai sindacati. Ed è auspicabile – prosegue l’assessora Pili – un pieno e immediato coinvolgimento del Consiglio Regionale. Per gli altri lavoratori assegnati ad Igea, in particolare quelli della miniera di Olmedo – prosegue Pili – il piano industriale presentato dall’Amministratore Caria successivamente al confronto con le parti sociali, prevede la prosecuzione per la stessa durata del piano. La mia linea di condotta dunque, aggiunge l’assessora, è stata sempre quella di ascoltare e favorire il confronto con tutti gli interlocutori, portando all’attenzione del Presidente Solinas e della Giunta Regionale le questioni di mia competenza. Nei prossimi giorni – prosegue – saranno discusse le proposte di delibera già trasmesse ai componenti della Giunta. È nostra intenzione – conclude l’assessora – riavvicinare la Società alle finalità per le quali è stata costituita, e quindi valorizzare il suo ruolo nella salvaguardia dei lavoratori e del loro futuro”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: