Babel Film Festival 2021: giurie al lavoro per selezionare i vincitori

0 0
Read Time:3 Minute, 21 Second

Cagliari. Ritorna la festa del cinema delle minoranze linguistiche, ritorna il “Babel Film Festival” organizzato e promosso dalla Società Umanitaria – Cineteca Sarda di Cagliari. Il capoluogo si appresta ad ospitare, per la settima volta, quello che ormai è considerato uno dei più importanti concorsi cinematografici internazionali, una rassegna che dal 2010 dà voce alle minoranze, alle loro storie, alla loro cultura, nella loro lingua. L’edizione 2021 del Festival si svolgerà al T-Hotel dal 6 all’11 dicembre, ma sono previsti appuntamenti anche nelle giornate precedenti e successive. Partecipano al concorso 64 film, tra lungometraggi, documentari e cortometraggi fiction, scelti tra 104 opere esaminate nei mesi scorsi dalla commissione selezionatrice. Ben 13 le categorie di premi, per un valore complessivo di 18mila euro. Due, infine, i film fuori concorso.

I premi.

Il ”Babel Film Festival” assegnerà tredici premi. I più prestigiosi sono i premi “Maestrale” per il miglior lungometraggio (6000 euro), il miglior documentario (2500 euro) e il miglior cortometraggio fiction (2500 euro). A decretare i vincitori sarà la giuria ufficiale. Il premio “Unica” Citta di Cagliari (1500 euro) sarà assegnato invece dagli studenti dell’Università di Cagliari, mentre il premio “Umanitaria” (1500 euro) dai soci delle della Società Umanitaria in Italia: Milano, Roma, Napoli, Cagliari, Alghero, Carbonia. C’è anche la giuria degli studenti delle scuole superiori di Cagliari, che assegneranno il premio “Diritto di parola” (1000 euro). Al premio delle minoranze linguistiche, “ITALYMBAS” (1000 euro), concorrono le opere che hanno partecipato alle proiezioni nelle sedi di Catania (Università di Catania), Ostana (CN) con il Premio Ostana, Martignano (LE) con il Festival “Evo ce Esù”, Udine con il Festival SUNS Europe, e Olbia, Associazione Argonauti di Olbia – Festival di Tavolara. Premio da 1000 euro anche per la categoria “One Wor(l)d” assegnato dai richiedenti asilo politico. Il premio “FICC”, da 1000 euro, sarà attribuito da una giuria composta dal pubblico dei circoli del cinema. Altro premio, “AAMOD”, è quello dell’Archivio del Movimento Operaio e Democratico che assegna 3 minuti di materiale del suo archivio da utilizzare senza costo. Gli ultimi tre premi sono il premio “OSTANA”, al miglior autore sardo, assegnato dal Premio Ostana, il premio “Cineclub Fedic Cagliari”, assegnato dalla giuria degli iscritti al Cineclub e il premio “Diari di Cineclub” su cui si esprimerà la redazione di “Diari di Cineclub”.

Anteprime.

Fra le importanti anteprime c’è il “Premio Kentzeboghes”, assegnato a progetti cinematografici in lingua sarda che devono essere poi trasformati in film. Il premio nasce all’interno del Festival, come momento produttivo inserito nel contesto delle politiche di tutela e valorizzazione della lingua sarda. Il 3 dicembre al Greenwich, in via Sassari a Cagliari, saranno presentati i film realizzati per la 4a edizione del concorso.

La giuria ufficiale.

In attesa dei giorni clou del Festival, che saranno animati da proiezioni, masterclass, seminari, convegni, eventi speciali, concerti e mostre, le giurie stanno per ultimare il lavoro. La giuria ufficiale, che assegnerà i premi Maestrale, è presieduta dal regista Alberto Negrin ed è composta da altri sei membri: l’attrice Simonetta Columbu, la sceneggiatrice Lara Fremder, il produttore Samuel Julien, la giornalista Miriam Mauti, la produttrice Nadia Trevisan, e l’esperta di lingue minoritarie Mirjam Vellinga.

Gli organizzatori.

“Babel Film Festival” è organizzato e promosso dalla Società Umanitaria – Cineteca Sarda di Cagliari, con il sostegno della Fondazione Sardegna Film Commission, in collaborazione con Assòtziu Babel, Areavisuale e Terra de Punt. Numerose le istituzioni patrocinanti: il Consiglio d’Europa, il Ministero degli Affari Esteri, la Presidenza del Parlamento Europeo, la Regione Autonoma della Sardegna e il Comune di Cagliari. Gli altri enti e organismi coinvolti nel Festival sono: la Società Umanitaria, l’European Language Equality Network (ELEN), l’A.A.M.O.D. Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico, il “Premio Ostana – scritture in lingua madre”, la Federazione Italiana dei Circoli dei Cinema (FICC), la Rassegna Cinematografica “Evò ce Esù” di Martignano, il Cineclub Fedic di Cagliari, l’Università di Cagliari, l’Associazione Campos, l’Università di Catania, Documentaria Festival del Cinema Documentario. 

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: