Battuta sessista dei ministri francesi sulla ministra italiana “Quella lì è brava a fare altro…”

Francesi – I fatti risalgono all’8 marzo del 2016. Al tempo a Palazzo Chigi sedeva Matteo Renzi, mentre all’Eliseo c’era Francois Hollande. I due si danno

appuntamento a Venezia per un vertice italo-francese. Non son soli. Sul motoscafo che naviga nella laguna di Venezia, dopo essere usciti dall’aeroporto ci sono anche due ministri francesi e Ségolène Royal. È quest’ultima a rivelare nel suo libro Quello che finalmente posso dirvi (edizioni Fayard) il contenuto di una battuta volgare contro un’altra donna che al tempo era un ministro del governo italiano. Una battuta imbarazzante fatta dai francesi che gela il sangue a Renzi e lo getta in un imbarazzo senza precedenti.

Il retroscena, come riporta il Corriere della Sera, riapre la ferita del #MeToo da una parte e l’arroganza dei francesi dall’altra. “I due ministri guardano il programma della giornata e bisbigliano tra loro lasciandosi sfuggire una grassa risata – racconta la Royal nel suo libro – il mio sguardo chiede loro che cosa li fa divertire tanto e a quel punto li rivedo come se fosse oggi, stravaccati, senza alcun ritegno, scoppiare a ridere citando il nome di una ministra italiana che parteciperà alla riunione di lavoro: ‘Quella lì dev’ essere brava a fare altro, mica la politica’”. Più che una battuta sessista, un insulto contro un ministro del nostro governo. Hollande non muove un dito. Anzi, stando a quanto racconta la Royal, avrebbe addirittura fatto finta di non avere sentito nulla. Renzi, invece, “impallidisce” ma non ha gli attributi per rimproverare i ministri francesi – spiega nel libro – vado in suo, e anche in mio, soccorso perché ero davvero scioccata come ministra e umiliata come donna”. Quindi, zittisce i due colleghi di governo: “Poveri abbrutiti, ma vi siete visti?”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *