Cagliari. Arrestati due 18enni per spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti

Cagliari.  Nel pomeriggio di ieri i poliziotti della Squadra Volante hanno notato, in Piazza Medaglia Miracolosa, un continuo viavai di tossicodipendenti che si recavano presso un’abitazione  per poi allontanarsi frettolosamente e, da un rapido accertamento, hanno riscontrato che l’appartamento interessato si trovasse al terzo piano, decidendo di effettuare un controllo.
L’equipaggio ha raggiunto il terzo piano mentre un secondo equipaggio giunto in ausilio si è posizionato, in maniera defilata, sotto le finestre; dopo aver bussato ed essersi qualificati, dall’interno dell’appartamento i poliziotti hanno udito un gran trambusto e dalle finestre, dopo qualche istante, un giovane ,Karmouchi Tair 18enne, ha lanciato un marsupio, prontamente recuperato dagli agenti.
Al suo interno sono stati rinvenuti 4,30 grammi di cocaina suddivisa in 12 dosi, 140 grammi di hashish e un rotolo di chellophane utilizzato per il confezionamento delle dosi.


Due giovani, Karmouchi Tair 18enne e Mattia Zedda anch’egli 18enne, hanno aperto la porta solo dopo cinque minuti e, una volta entrati, i poliziotti hanno riscontrato che l’abitazione era disadorna e che vi fosse solo un tavolo e alcuni mobili vuoti, quindi non utilizzata per uso abitativo ma come luogo di spaccio e che i due giovanissimi non avessero alcun titolo per occuparla. La perquisizione ha permesso di rinvenire un involucro per il sottovuoto con all’interno residui di cocaina, un grosso coltello da cucina con tracce di hashish, buste per il confezionamento e un bilancino di precisione.
Nel corso della verifica nello stabile i poliziotti hanno anche rinvenuto, tra alcune masserizie poste nel portone di ingresso, un involucro in plastica contenente 4 ovetti con all’interno cocaina, sequestrati a carico di ignoti.
L’appartamento, poiché utilizzato esclusivamente per l’attività criminosa, è stato posto sotto sequestro.  Gli agenti hanno tratto in arresto i due giovani  In mattinata era previsto il processo per direttissima.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *