Cagliari Hertz Dinamo Academy alla svolta

Definirla partita dell’anno, quella dello spareggio forse è un azzardo, di certo è la partita della svolta: la Hertz Dinamo Academy domenica contro la Jesi Termoforgia può davvero dimostrare di poter dire ancora qualcosa in questo campionato; i presupposti non mancano e nella conferenza stampa di oggi, coach Iacozza lo ha ribadito: “la squadra sta bene – a parte un leggero infortunio a Justin Johnson che fatto due giorni di stop – ha fiducia e si è allenata bene in settimana; vogliamo continuare su questo trend positivo sia come gioco sia come classifica, una vittoria domenica ci permetterebbe di rientrare in campionato”.

Un buon viatico per domenica prossima, è stata sia la vittoria della scorsa di campionato in trasferta contro la contro Bakery Piacenza, ma anche e sopratutto il comportamento della squadra tenuto nelle due precedenti partite, dove si era arrivati addirittura più vicini al successo.

Domenica contro Jesi sarà, se tutto va bene, certamente un punto di ripartenza anche considerando il buon inserimento del nuovo acquisto Giga Janelidze, giocatore positivo che – nonostante la forma ancora non ottimale (nella scorsa partita ha lui stesso chiesto un cambio) – trasmette energia all’intera squadra, ha rafforzato decisamente il reparto lunghi e si è ben inserito nel gruppo.

Certo, la Hertz Dinamo Academy dovrà sudarsela, Jesi è squadra con due ottimi americani, che andranno neutralizzati come potenzialità di gioco e poi ci vorrà un buon ritmo che esalti i punti di forza della squadra.

C’è grande attesa e la speranza è che, domenica prossima, il pubblico risponda più numeroso del solito come presenza sugli spalti, al bel momento della squadra; ci si aspetta di vedere una Hertz Dinamo Academy convincente, più matura e che giochi la pallacanestro mostrata nelle ultime settimane; con una buona prestazione ed una vittoria cambierebbe tutto e si sarebbe di nuovo in corsa anche come classifica: sarebbe un bellissimo regalo di Natale per tutti.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *