Cagliari. Piano operativo di prevenzione e previsione degli effetti del caldo sulla salute dei cittadini

Come misura di prevenzione e previsione degli effetti del caldo sulla salute dei cittadini, è stato reso pubblico oggi dal Servizio Protezione Civile del Comune di Cagliari, il vademecum “Misure di auto-protezione ondate di calore”: in questo modo, viene data piena attuazione al Piano Operativo nazionale per la prevenzione degli effetti del caldo sulla salute, coordinato dal Ministero della Salute in collaborazione con il Centro per la prevenzione ed il controllo delle malattie (CCM).

Il documento contiene preziosi consigli su come far fronte ai possibili disturbi causati dall’aumento delle temperature quando ci saranno le ondate di calore che verranno, comunque, preannunciate dal Dipartimento di Protezione Civile.
L’Amministrazione Comunale cagliaritana, già sensibile al problema delle ondate di calore, invia giornalmente il bolllettino, via e-mail, ai centri di intervento locali, alle strutture sanitarie, ai Servizi Comunali deputati all’assistenza sociale, alle Associazioni Socio-Assistenziali e alle Strutture Residenziali con persone a rischio.

È inoltre attivo, il sistema “SMS Allerta Meteo” che, oltre agli Avvisi di Condizioni Meteo Avverse e alle Allerte Meteo, viene utilizzato anche in caso di ondate di calore come strumento di informazione alla popolazione.

Le norme di comportamento sono semplici quanto note; è comunque utile ricordare che: per proteggersi dalle ondate di calore più intenso, è opportuno non uscire nelle ore centrali della giornata, questo a maggior ragione vale per il soggetti anziani, per i bambini e comunque per le persone più fragili ed affette da patologie; occorre ripararsi dal sole utilizzando copricapi vestiti leggeri in fibre naturali ed eventualmente bagnarsi il capo per ridurre la temperatura corporea; è consigliato consumare pasti leggeri, ricchi di frutta ed evitare l’assunzione di alcolici che contribuiscono ad aumentare il calore del corpo.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *