Cagliari. Prevendita per lo spettacolo di Federico Buffa “Il rigore che non c’era”

Cagliari. Continua la prevendita dei biglietti per “Il rigore che non c’era”, lo spettacolo di Federico Buffa in scena mercoledì 27 marzo (ore 21) al Teatro Massimo di Cagliari per l’organizzazione della cooperativa Vox Day. I biglietti si possono acquistare online e nei punti vendita di Vivaticket a 38 euro in poltronissima e 28 in poltrona (più diritti di prevendita). Chi volesse acquistare un biglietto attraverso il circuito Sardex potrà farlo prenotando via mail a info@voxday.com o per telefono al numero 070840345, fino a martedì 26 e fino esaurimento posti.

Dopo il fortunato debutto dell’estate scorsa, “Il rigore che non c’era”, che la sera prima (martedì 26) farà tappa al Nuovo Teatro Comunale di Sassari (organizza la cooperativa Le Ragazze Terribili), approda in Sardegna nell’ambito della nuova tournée prodotta da International Music and Arts che ha preso il via il 7 febbraio.

Con un riferimento letterario a Eduardo Galeano, il titolo dello spettacolo è la metafora di quell’evento imprevisto, inaspettato, che trasforma una vita, proprio come un rigore, nel gioco del calcio, può cambiare il corso di una partita. Partendo da vicende sportive, il lavoro teatrale scritto a quattro mani con Marco Caronna si trasforma in un affresco storico, poetico e musicale dove si incrociano e si intrecciano tanti fatti e personaggi non solo dello sport. Il tutto punteggiato dalle note di Alessandro Nidi, che accompagna e sottolinea al pianoforte le parole di Federico Buffa, in scena con Jvonne Giò e lo stesso Marco Caronna, che firma anche la regia.

Sessant’anni da compiere il prossimo 28 luglio, giornalista, telecronista di basket e commentatore sportivo, Federico Buffa ha messo in luce le sue grandi doti di narratore raccontando in tv, e poi anche in teatro, storie di protagonisti ed eventi dello sport.

Per informazioni, la segreteria della cooperativa Vox Day risponde al numero 070840345 e all’indirizzo di posta elettronica info@voxday.com. Aggiornamenti e altre notizie sul sito www.voxday.com e alla pagina facebook.com/voxdayitaly.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *