Camera. Grasso e Boldrini: gruppo autonomo (anche senza numeri)

0 0
Read Time:1 Minute, 50 Second

I numeri, Pietro Grasso e Laura Boldrini, non li hanno. Alle elezioni del 4 marzo i due, che per cinque anni hanno spadroneggiato sugli scranni più

alti della Camera e del Senato, sono stati trombati alla grande. A star sentire i giornaloni avrebbero dovuto spolpare il Pd e fare incetta di voti. I dem si sono spolpati da soli, e i due hanno preso appena una manciata di voti. Tanto che alla Camera si sono trovati con appena quattordici deputati, non abbastanza per formare un gruppo autonomo. Il (neo) presidente di Montecitorio, Roberto Fico, si è dimostrato parsimonioso con loro e gli ha fatto uno sconticino.

Per cinque anni ci hanno riempito le orecchie coi sermoni a favore dell’accoglienza dei migranti e contro il fascismo di ritorno. Hanno lanciato in continuo anatemi per fermare l’avvento dei populisti al potere. E ancora: hanno intrapreso assurde crociate, combattuto battaglie inutili per il bene del Paese e bruciato energia e tempo per campagne che hanno diviso profondamente gli italiani. Tra le tante trovate, poi, la più frivola e impopolare è stata quella di “femminilizzare” qualsiasi sostantivo, anche quelli che la grammatica italiana impone soltanto al maschile. Una fissazione per l’articolo “la” che ha spinto la Boldrini addirittura a far cambiare tutti i badge delle dipendenti di Montecitorio per correggerne la mansione. Non contenti delle prestazioni ottenuti sugli scranni più alti dei due rami del parlamento, i due hanno deciso di rifondare la sinistra e di sfidare un Matteo Renzi in calo di consensi. Il risultato? Un flop clamoroso.

Per dirla alla Renzi il 4 marzo gli italiani li hanno asfaltati. A dispetto delle profezie dei sondaggisti, Liberi e Uguali si è tenuto ben lontano dal 7-10%. Non è arrivato nemmeno al 3,5%. E così, niente gruppo autonomo: tutti relegati nel Gruppo Misto. Ma solo per qualche giorno. Oggi l’Ufficio di presidenza di Montecitorio ha, infatti, dato il via libera a Liberi e uguali di costituire un gruppo autonomo. Essendo solo in 14 deputati, mentre per regolamento ne servono almeno venti, Grasso e compagni avevano chiesto una deroga per fare un gruppo parlamentare a sé. In questo modo potranno, di certo, continuare a spaccare le balle agli italiani.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: