Carbonia. “Questa non è  più  vita”, staccate le macchine ad un malato di Sla

Giancarlo Mura,  ingegnere minerario di Iglesias aveva 76 anni,  ha scelto di andarsene e porre fine alle sue sofferenze facendo staccare  le macchine che lo tenevano in vita.
Combatteva dal 2014 contro una malattia terribile,  la sclerosi laterale amiotrofica,  negli ultimi  mesi la malattia era progredita notevolmente  costringendolo immobilizzato a letto  sibnutriva e respirava artificialmente.
Venerdì  i medici che lo seguivano negli ospedali  di Iglesias e  Carbonia hanno staccato le macchine, come lui voleva, ed ha cessato di vivere.  La richiesta era stara presentata alla procura della Repubblica di Cagliari e ai Responsabile della Assl di Carbonia-Iglesias, dalla moglie e le due figlie. Giancarlo Mura lo scorso ottobre, perfettamente cosciente e lucido, aveva lanciato un appello: «Questa non è più la mia vita», aveva detto, e così  fu inoltrata la richiesta di morte assistita.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *