CAGLIARI POST

Cinema e scienza – l’Università di Cagliari lancia la serie ‘The Shifters – La Terza missione’

Presentato il primo episodio della serie web ‘The Shifters – La Terza missione’, firmata dal CREA (il Centro Servizi di Ateneo per l’Innovazione e l’Imprenditorialità) dell’Università di Cagliari, con la collaborazione del giovane collettivo cagliaritano Naked Panda, che ne ha curato l’aspetto cinematografico.

Il progetto e la prima puntata, ora disponibile online sul sito www.theshifters.it, ha avuto ieri una première online curata dal Rettore Maria Del Zompo e dal Pro Rettore per l’Innovazione e il territorio, Maria Chiara Di Guardo.

Lo scenario raccontato in ‘Di notte c’erano le stelle’, primo episodio della serie web: la terra circondata da un’atmosfera che ha ricevuto così tante sostanze inquinanti che non è più in grado di smaltirle e si trasforma in una nube tossica. Le persone sono costrette a girare con le mascherine e non si vedono più le stelle.

La serie, punta a raccontare i risultati della ricerca scientifica universitaria utilizzando un mezzo poco abituale per il mondo della ricerca che è appunto il cinema.

In un momento come quello che il mondo vive per l’emergenza Covid-19 è ancora più fondamentale appoggiarsi e affidarsi alla scienza: all’interno del primo episodio, dedicato ai cambiamenti climatici, sono ‘nascosti’ dieci studi di dodici ricercatori appartenenti a cinque differenti dipartimenti dell’Università del capoluogo.

Tanti gli elementi di grande attualità: lo strumento che rileva dalla saliva la quantità di sostanze tossiche che si sono assorbite durante l’esposizione all’aria aperta, il filtro che purifica l’aria all’interno della casa, o ancora le mascherine che permettono ai personaggi di lavorare all’aperto.

“The Shifters è un progetto ambizioso e ha l’obiettivo di far progredire la nostra comunità verso i concetti dello sviluppo sostenibile – ha spiegato il Rettore Maria Del Zompo durante la presentazione online – L’ateneo cagliaritano crede nella forza della divulgazione della scienza e nella creatività: cosa c’è di meglio che mettere insieme le arti, in questo caso il cinema, con le scienze cosiddette dure. The Shifters è un modo nuovo per avvicinare la scienza alla società, ed è solo il primo gradino di una serie che contribuirà alla crescita della conoscenza e a una proiezione verso un futuro che sarà roseo, se come specie umana riusciremo a convincerci che portare avanti la società della conoscenza non è uno slogan, ma una necessità assoluta, e la ricerca scientifica è alla base di tutto questo”.

“Abbiamo pensato di utilizzare linguaggi diversi per trasferire conoscenza scientifica, cultura e sviluppo – ha sottolineato il Pro Rettore Di Guardo -. Linguaggi più vicini alle persone, più attuali, abbiamo pensato a un progetto cross mediale che partisse dal cinema. Si tratta di piccoli racconti che hanno dentro una serie di attività di ricerca. È il processo inverso di quello che smaschera le fake news, nasce tutto dalla ricerca”.

Alberto Porcu Zanda

print