Coronavirus, Pittalis (FI): Governo chiuda attività non essenziali

0 0
Read Time:54 Second


La Cina, dopo due mesi di misure estremamente rigide e un’adesione pressoché totale della popolazione a quanto imposto dal Governo, sta lentamente tornando alla normalità: le persone stanno ricominciando a uscire, le attività riprendono, il Paese sta ripartendo. In Italia, al contrario, dopo un mese dall’esplosione dell’epidemia quello che abbiamo ottenuto è un susseguirsi di ordinanze e decreti non adeguatamente chiari, persone che cercano scappatoie per non rispettare il divieto di circolazione se non per reali emergenze e un numero di morti che supera quello della Cina. Occorre immediata chiarezza e regole rigide! Il rispetto che dobbiamo a chi, come medici, infermieri e operatori sanitari, sta sacrificando tutto per salvare le nostre vite, impone che tutti si adeguino in maniera inderogabile e restino in casa. Parimenti, dal Governo è necessaria una presa di posizione inequivocabile: occorre chiudere subito tutte le attività non indispensabili e potenziare gli strumenti a disposizione di imprenditori e aziende per superare questo momento di crisi generale. Ma, lo ribadisco, il fermo totale delle attività non essenziali non è più ulteriormente rimandabile

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: