Coronavirus. Sardegna, morto un medico

Primo morto in Sardegna tra i medici di famiglia a causa del coronavirus. E’ morto a 62 anni, il dottor Nabeel Khair, in servizio da fine febbraio di quest’anno a Tonara e storica guardia medica di Aritzo. Lo conferma all’ANSA la sindaca di Tonara Flavia Loche. “Era ricoverato dagli inizia di marzo all’ospedale SS. Trinità di Cagliari ma la notizia ci ha lasciato attoniti e sconvolti – afferma – perché non credevamo che la situazione clinica fosse così grave”.

Il dottore Khair era stato tra i primi medici di famiglia contagiati nell’Isola dal Covid19.Quando era stata diffusa la notizia della positività al tampone era scattata anche la quarantena per i suoi pazienti e per quelli che aveva visitato nelle altre sedi: Aritzo, Belvi’ e Gadoni, tutti nel Nuorese.

“Il dottor Khair era arrivato a Tonara da poco al termine di una lunga battaglia portata avanti dalla comunità dopo il pensionamento di uno dei due medici di famiglia presenti nel territorio comunale – racconta la sindaca – circa 400 persone che erano rimaste scoperte dall’assistenza sanitaria di base, molte delle quali non hanno neppure fatto in tempo a conoscere il nuovo dottore ora scomparso”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: