COVID-19. ATS Sardegna, ‘Muoversi in casa’: per mantenersi in buona salute basta poco

E’ on line il progetto Muoversi in casa, per la promozione dell’attività fisica in luoghi confinati, che ha l’obiettivo di promuovere uno stile di vita attivo attraverso semplici esercizi, magistralmente illustrati nelle immagini, estratte dal Libro ‘’Per mantenersi in buona salute BASTA POCO’’ Autori Simona Giampaoli, Jeremiah Stamler, disegni di Franco Bevilacqua, generosamente offerto dal dott. Luca De Fiore Casa Editrice Il Pensiero Scientifico – Roma e con il patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità.

L’attuale emergenza COVID-19 sta comportando, per gran parte della popolazione, la forzata permanenza presso il proprio domicilio per il contenimento del contagio, con conseguente riduzione dell’attività motoria.
Il Programma P-1.2 “Comunità in salute” del Piano Regionale di Prevenzione (PRP) 2014-2019 prevede, in tutto il territorio regionale, azioni finalizzate a facilitare comportamenti salutari nella popolazione generale, attraverso la promozione di stili di vita sani, per contrastare i principali fattori di rischio per le Malattie Croniche Non Trasmissibili, ricollegabili ad inattività fisica, scorretta alimentazione, fumo e consumo di alcol.

Obiettivo generale del Programma è la promozione di stili di vita, in grado di contrastare il peso delle malattie croniche non trasmissibili e far guadagnare anni di vita in salute, anche attraverso l’aumento del livello di attività fisica nella popolazione generale ed in particolare nella fascia degli over 50, più inclini alla sedentarietà.
Le ulteriori ricadute in termini di peso psicologico ed emotivo legate alle misure di quarantena, in relazione alla emergenza Coronavirus, pone inoltre tutta la popolazione in una condizione di “sofferenza”.

Seguire le poche, ma preziose indicazioni delle autorità sanitarie richiede un minino di attivazione e il limite fra una funzionale attivazione (eustress o stress positivo) e un eccesso di allerta con comportamenti poco lucidi e controproducenti (distress o stress negativo) è sottile.

In queste circostanze, la letteratura suggerisce tra le diverse strategie di coping positive:
• Riposarsi
• Mangiare nel modo più regolare possibile e bere acqua
• FARE ESERCIZIO FISICO
• Parlare dei problemi con qualcuno di cui ci si fida
• Fare attività che aiutano a rilassarsi
• Trovare dei modi per aiutare gli altri nel momento di crisi ed essere coinvolti nelle attività della comunità.


Scarica la brochure del progetto MUOVERSI IN CASA

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: