Covid. Sardegna: salgono a 10 i comuni in lockdown

Salgono a dieci i comuni sardi in zona rossa: oggi si sono aggiunti Gavoi, nel Nuorese, Villa San Pietro, nella città metropolitana di Cagliari, Soleminis e Burcei, nella provincia del sud Sardegna. In lockdown ci sono già Sarroch (Cagliari), Samugheo (Oristano), Sindia (Nuoro), Bono, Golfo Aranci, Uri e Pozzomaggiore, tutti nel Nord dell’Isola.

GAVOI – Fino al 6 aprile Gavoi è in zona rossa

Lo ha deciso, con un’ordinanza, il sindaco Salvatore Lai dopo l’impennata dei contagi. Il provvedimento sospende le attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado prevedendo la Dad. Stop all’asporto a bar, ristoranti e pasticcerie, ma è possibile effettuare il servizio a domicilio con prenotazione telefonica. Vietato il consumo bevande e alimenti nelle aree pubbliche e sospeso il commercio ambulante. Nell’ultima settimana il paese ha visto incrementare i contagi da Covid 19 in maniera esponenziale: sono poco meno di 80 i casi accertati e si teme che i numeri possano crescere ancora. Per questo il sindaco ha ritenuto urgente emanare l’ordinanza di chiusura. E ora chiede all’Ats uno screening di massa per contenere la diffusione del virus.

VILLA SAN PIETRO – L’annuncio arriva su Facebook dalla sindaca Marina Madeddu, che già ieri aveva chiuso le scuole cittadine. “Vi anticipo che sto predisponendo l’ordinanza di istituzione della zona rossa (ai sensi del DCPM del 2 marzo 2021): sarà in vigore per 14 giorni a partire da domani, 30 marzo. Appena possibile seguiranno le specifiche”.

BURCEI – A Burcei, nel sud Sardegna, nelle ultime due settimane sono stati riscontrati 19 nuovi casi di positività al Covid-19 e così il sindaco Simone Monni ha annunciato che firmerà un’ordinanza l’istituzione della zona rossa per 14 giorni. “Ci è stato comunicato – spiega il primo cittadino – che il tasso dei casi positivi calcolato negli ultimi 7 giorni è ben superiore al valore previsto per legge di 250 positivi ogni 100 mila abitanti, criterio per l’individuazione delle zone rosse; inoltre, è stato evidenziato che in buona parte dei casi esaminati vi è la condizione tipica di presenza di variante del virus, con la probabilità di un ulteriore incremento della diffusione del virus”. “Vi raccomando la massima prudenza – è l’appello del sindaco ai cittadini – e il rigoroso rispetto di tutte le prescrizione in vigore per contenimento della diffusione dell’epidemia”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: