Crisi USA- Russia. Gli Stati Uniti si lamentano delle controsanzioni russe

Mentre la Russia ha inserito nella lista nera otto attuali ed ex funzionari americani e ha inviato dieci diplomatici in rappresaglia per le sanzioni statunitensi, il Dipartimento di Stato ha lamentato la risposta “escalation” e ha detto che Washington potrebbe rispondere.

Le nostre azioni recenti sono state proporzionate e appropriate alle attività dannose della Russia. L’annuncio di oggi da parte del governo russo è stato escalation e deplorevole ”, ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato in una dichiarazione venerdì sera. “Non è nel nostro interesse entrare in un ciclo di escalation, ma ci riserviamo il diritto di rispondere a qualsiasi ritorsione russa contro gli Stati Uniti”.

Foggy Bottom ha risposto all’annuncio che Mosca espellerà 10 diplomatici statunitensi, limitando il numero di visti a breve termine per il personale del Dipartimento di Stato a 10 all’anno e vietando all’ambasciata americana di assumere cittadini russi e di paesi terzi come personale amministrativo. 

Il memorandum “terreno aperto” del 1992, che permetteva ai diplomatici statunitensi di muoversi liberamente in Russia, è stato anche “dichiarato non valido a causa di violazioni sistematiche” dagli americani, ha detto il ministero degli Esteri russo.

Ci sono anche piani per “fermare le attività … delle fondazioni americane e delle ONG controllate dal Dipartimento di Stato e da altre agenzie governative degli Stati Uniti” poiché gli Stati Uniti “non mostrano alcuna intenzione di ridimensionare i loro sforzi sovversivi sistematici”.

Queste misure sono state una risposta agli ordini esecutivi del presidente Joe Biden che sanzionavano 30 individui ed entità russe per presunta interferenza nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2020 e presunto coinvolgimento nell’hack di SolarWinds – entrambi negati con veemenza dalla Russia. Biden ha anche espulso 10 diplomatici russi e vietato alle società statunitensi di commerciare in debito sovrano russo.La Russia ha anche scelto di rispondere alla decisione di Biden del 2 marzo di sanzionare diversi funzionari russi accusati – senza prove fornite – di coinvolgimento nel presunto “avvelenamento” del blogger dell’opposizione Alexey Navalny. 

Venerdì, Mosca ha vietato l’ingresso in Russia a otto attuali ed ex funzionari statunitensi.

Il divieto si applica al direttore dell’FBI Christopher Wray, al segretario per la sicurezza interna Alejandro Mayorkas, al procuratore generale Merrick Garland, al direttore dell’intelligence nazionale Avril Haines, al direttore del Federal Bureau of Prisons Michael Carvajal e al consigliere per la politica interna del presidente Joe Biden Susan Rice. Anche l’ex consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton è entrato nella lista nera russa. Come James Woolsey, che dirigeva la CIA tra il 1993 e il 1995 – e recentemente ha scritto un libro ‘Operation Dragon: Inside the Kremlin’s Secret War on America’, che accusava l’Unione Sovietica di aver assassinato il presidente degli Stati Uniti John Fitzgerald Kennedy nel 1963.

L’insolito passo per pubblicizzare la risposta è stato compiuto “alla luce delle complicazioni senza precedenti nelle relazioni Russia-USA provocate da Washington”, ha detto il ministero degli Esteri.Le sanzioni statunitensi e i messaggi di Washington “mostrano che Washington non è disposta ad ascoltare e non apprezza la moderazione che abbiamo mostrato nonostante le tensioni che sono state intenzionalmente alimentate” da Washington dopo l’amministrazione Obama, ha detto il ministero degli Esteri. 

Non ci devono essere dubbi: non un solo round di sanzioni rimarrà senza risposta.

La Russia “vorrebbe evitare un’ulteriore escalation” con gli Stati Uniti, ma non può farlo mentre Washington dice una cosa e ne fa un’altra. 

Venerdì il ministro degli esteri Sergey Lavrov ha detto ai giornalisti che la Russia avrebbe potuto imporre “misure dolorose” alle imprese statunitensi, ma ha scelto di non farlo – in questo momento. 

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: