Degrado sull’Asinara: l’Assessore Gianni Lampis risponde

Il Sindaco di Portotorres lamenta un persistente degrado degli immobili sull’isola dell’Asinara, attaccando la Regione Sardegna e lanciando un appello all’intervento nei confronti del Presidente Solinas e dell’Assessore Lampis: “Quanto sta accadendo è incomprensibile – dichiara il sindaco – almeno due anni di lavoro e pianificazione sull’isola dell’Asinara stanno venendo vanificati dalla logica dello spoil system, dettata dalla maggioranza al governo della Regione, che non sta tenendo conto della delicatezza e della specificità dell’isola dell’Asinara. Da ormai oltre un mese infatti la Conservatoria, che riveste quindi un ruolo di attore primario per la gestione dell’ordinaria amministrazione e del suo sviluppo, è in completo stallo”.

Non si è fatta attendere la risposta dell’Assessore Gianni Lampis che afferma: “Il sindaco di Porto Torres si sveglia da un sonno lungo cinque anni per dirci che il degrado dell’Asinara è colpa dell’immobilismo della Conservatoria delle coste e della Regione. Al signor Wheeler spieghiamo alcune cose per rassicurare lui e tutti i suoi concittadini che hanno diritto a conoscere esclusivamente la verità”.

L’assessore ha argomentato spiegando che intanto, il nuovo commissario della Conservatoria nominato dalla Giunta regionale, l’architetto Francesco Cilloccu, è pienamente operativo e già impegnato a porre rimedio alla disastrosa e precaria condizione di una struttura volutamente marginalizzata dalla Giunta Pigliaru; inoltre ha proseguito Lampis: ” Non si può tacere neppure il fatto che ad aggravare questa situazione è stato anche il silenzio complice delle istituzioni, tra cui spicca quello, ecco incomprensibile, del sindaco di Porto Torres che è anche componente del Consiglio direttivo del Parco dell’Asinara. Segnaliamo, inoltre, che in piena discontinuità con il passato, la Giunta regionale ha deliberato – dopo cinque anni di commissariamento improduttivo – di restituire all’Agenzia un ruolo pieno e qualificato nella programmazione delle azioni di sviluppo e tutela del territorio costiero”.

“Piuttosto, ci domandiamo – conclude l’Assessore Lampis – dov’era il sindaco di Porto Torres negli ultimi anni quando la Conservatoria ha abbandonato nel degrado più totale gli immobili dell’Asinara? Si ricordi che la gestione miope e approssimativa dell’Agenzia ha causato un danno incalcolabile per il patrimonio regionale, che adesso a causa degli interventi di manutenzione mai avvenuti necessita di costosi investimenti di recupero”.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *