Dinamo Banco di Sardegna vittoriosa sul BC Lietkabelis 79-78

La prima partita che vede il ritorno della Dinamo Sassari nella Champions League è stata al cardiopalma, però è andata: emozioni a go-gò e vittoria risicatissima, ma va bene così; 79-78 il risultato finale, con Pierre su tutti che firma la partita (con 24 punti di score) dopo essersi caricato la squadra sulle spalle, con una tripla su rimessa in gioco a soli 3’’ dalla fine.

E’ stata comunque una partita difficile, fatta di strappi delle due squadre con continui reciproci sorpassi nel punteggio, con la Dinamo ancora imprecisa nei tiri da tre; di certo la Champions della Fiba è torneo difficilissimo estremamente selettivo e con squadre di grande spessore tecnico oltre che fisico.

Starting five biancoverde con Spissu, Bilan, Evans, Pierre e Vitali, Lietkabelis risponde con Brown, Sakic, Lekunas, Sajus e Dimsa. La formazione lituana apre le danze con un break di 5 punti, i padroni di casa si sbloccano con Bilan, Pierre ed Evans che firmano il sorpasso. Pierre ed Evans conducono il Banco, Maldunas riporta gli ospiti avanti. Dyshawn Pierre trascina i biancoverdi infila 9 punti nei primi 5’, portandosi per primo in doppia cifra.Il primo quarto si chiude 21 pari. I lituani tuttavia restano a contatto con Lipkevicius dall’arco ed infatti il secondo quarto si chiude 39-38.

La Dinamo al rientro dagli spogliatoi prova ad allungare con Jerrells e Sorokas ma la partita rimane in parità, infatti il canestro a fil di sirena di McLean dice 57-57 al 30’. L’ultimo quarto se ne va, tra strappi e sorpassi, le squadre sono lì ambedue, quando inizia l’ultimo giro di cronometro il tabellone dice 77-72: il fallo sanzionato a Jerrells manda Lekunas in lunetta per 3 liberi. Il lituano non riporta gli ospiti a un solo possesso di distanza con 31’’. Persa sanguinosa del Banco, la tripla di Lipkevicius con 5’’ sul cronometro dice sorpasso Lietkabelis. Pierre si prende il fallo di Lipkevicius: il numero 21 non trema e firma il controsorpasso dei sardi. Non c’è più tempo ed è vittoria di Sassari.

Dinamo Banco di Sardegna 79 – BC Lietkabelis 78 – Parziali: 21-21; 18-17; 18-19; 22-21 – Progressivi: 21-21; 39-38; 57-57; 79-78.

Dinamo Banco di Sardegna. Spissu 5, McLean 4, Bilan 10, Bucarelli, Devecchi, Sorokas 5, Evans 14, Magro, Pierre 24, Gentile 5, Vitali 3, Jerrells 9. All. Gianmarco Pozzecco.

BC Lietkabelis. Brown 10, Olujobi 6, Sakic 17, Sinovec 3, Lekunas 5, Lipkevicius 11, Maldunas 8, Sajus 9, Normantas 2, Dimsa7. All. Nenad Canak.

Dalla sala stampa i commenti: coach Gianmarco Pozzecco “Faccio i complimenti al Lietkabelis e a coach Canak, hanno giocato una partita tostissima con una pallacanestro fisica ma pulita e potevano tranquillamente vincerla. Sono contento per noi perché oggi siamo usciti dalle difficoltà giocando di squadra poi il talento individuale ci ha permesso di fare canestri importanti prima con Gentile, poi con Jerrells e Pierre. Abbiamo fatto uno step importante, di fiducia, ci siamo passati la palla; la sconfitta di Trieste ci aveva tolto punti di riferimento e si è visto nel primo tempo, sono felice per la grande reazione, soprattutto per la prestazione di Dyshawn Pierre perchè oggi ha giocato una partita clamorosa”.

Dyshawn Pierre, autore di una doppia da 24 punti e 12 rimbalzi: “Sono molto contento della vittoria di questa sera contro una squadra ostica che ha lottato fino alla fine: siamo stati bravi a non disunirci e trovare nella difficoltà la calma e la fiducia per portare a casa la vittoria. Sono contento della mia prestazione ma è merito dei miei compagni e dello staff, tutto quello che facciamo lo facciamo come gruppo e questa è la chiave per andare avanti e crescere di partita in partita”.

Il tecnico del BC Lietkabelis Nenad Canak: “Faccio le mie congratulazioni a Sassari e a coach Pozzecco per la vittoria. Nel primo tempo abbiamo avuto problemi di rimbalzi offensivi e falli, nel secondo abbiamo sistemato quelle piccole cose che ci hanno permesso di mettere la testa avanti. Poi quando siamo riiusciti a prendere un margine di 7 lunghezze abbiamo preso delle cattive decisioni che hanno permesso a Sassari di rientrare in partita. Credo che Sassari abbia meritato la vittoria ma se avessimo vinto noi non ci sarebbe stato nulla da recriminare”.

Il giocatore Zeljko Sakic: “È stata una partita strana, molto fisica ma sono contento della prestazione della mia squadra. Quando siamo riusciti a portarci avanti abbiamo fatto delle piccole sciocchezze che hanno permesso a Sassari di riportarsi in partita e giocarsela fino all’ultimo possesso. Ma questa sera abbiamo dimostrato di potercela giocare a questi livelli con avversarie del calibro della Dinamo”.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: