Diocesi di Cagliari: messaggio dell’Arcivescovo per la Pasqua 2022

0 0
Read Time:2 Minute, 18 Second

Messaggio dell’Arcivescovo per la Santa Pasqua 2022

«Pace a voi!». Sono le prime parole del Risorto ai discepoli (Lc 24,36; Gv 20,29).

La Pasqua di quest’anno è segnata dall’orrore per le notizie che giungono dall’Ucraina. In Europa, a due ore di aereo da noi, si rivedono esplosioni causate dai bombardamenti, segni di torture, fosse comuni, sofferenze che non risparmiano donne e bambini. Non abituiamoci al male.

Quei corpi martoriati sono di uomini come noi, sono di nostri figli, fratelli, padri e madri. È Gesù che continua a soffrire in loro, a sudare gocce di sangue che cadono a terra (Lc 22,44). Questa guerra ci riguarda e fa paura, anche perché mobilita forze che attraversano tutto il mondo e cercano l’egemonia sui popoli, minacciando di mettere in campo la capacità distruttiva degli attuali arsenali militari.

Non possiamo voltarci dall’altra parte, non vedere e udire.

Lo sguardo dei bambini che con le loro mamme lasciano il confine , con pochi bagagli, in cerca di un rifugio, chiedono il nostro impegno a favore del bene prezioso della vita e dell’inviolabile dignità dell’uomo. La volontà di morte che si scatena con la guerra è radicata in uno squilibrio radicale che avvelena il cuore dell’uomo, abitando anche le nostre società e le nostre case.

Sentiamo nostre le parole di un grande Padre della Chiesa, Giovanni Crisostomo: «Noi chiediamo la pace in ogni momento: niente infatti sta alla pari di essa… perché la pace è la madre di tutti i beni, ed è proprio questo il fondamento della gioia». Chiediamo la pace come fondamento della gioia. Il Signore è salito sulla croce ed è risalito dagli inferi per salvare tutto l’uomo e tutti gli uomini da questa debolezza mortale.

«Pace a voi!». La pace del Risorto dona la bellezza e la pienezza della vita, la riconciliazione e il perdono. Gesù Cristo è la nostra pace perché ha vinto la morte, perdonato il male, abbattuto il muro di separazione che ci separa, l’inimicizia» (Ef 2,14).

Questa pace è un dono, che non ci stanchiamo di invocare dalla misericordia di Dio ed è affidata alla nostra responsabilità, perché vive della testimonianza della verità, è opera della giustizia, frutto dell’amore e del perdono. Per tale ragione, Gesù invia i suoi discepoli per far scendere la pace in ogni casa (Lc 10,5) e chiama beati gli operatori di pace (Mt 5,9).

«Pace a voi!»

Auguro a tutti la gioia di accogliere il dono pasquale della pace, il gusto di custodirla con cura e la passione di promuoverne l’instaurazione in noi, nei nostri ambienti, nel mondo intero. «Oh, pace amata, dolce realtà e dolce nome» (Gregorio di Nazianzio).

Cagliari, 13 aprile 2022

Giuseppe Baturi
Arcivescovo

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: