Domanda 600 euro. Sito INPS in tilt!

Lo avevamo previsto, abbiamo sperato che stavolta ci avrebbero sorpreso per efficienza tempestività e invece.. Il portale INPS si è dimostrato quello che è un pachiderma con le gambe d’argilla. Sin dall’inizio ha fatto fatica a sopportare il peso, si è visto sin dalle prime ore, è stata una fortuna essere riusciti ad inoltrare qualche pratica. Quando dopo vari tentativi si è riusciti ad entrare nella compilazione, per giunta abbastanza semplice ma il portale, anche a metà compilazione, andava off-line e si è dovuti ripartire da capo. Poi a metà giornata le gambe, che prima scricchiolavano per il peso eccessivo, si sono sbriciolate ed è apparsa questa dicitura

Al fine di consentire una migliore e piu’ efficace canalizzazione delle richieste di servizio,
il sito è temporaneamente non disponibile.
Si assicura che tutti gli aventi diritto potranno utilmente presentare
la domanda per l’ottenimento delle prestazioni.

il problema però non è solo la domanda per i 600 euro ma tutto il portale INPS. Impossibile accedere!!

aggiornamento

Sito dell’Inps in ‘tilt’, non solo per le migliaia di domande arrivate per ottenere l’indennità di 600 euro per i lavoratori autonomi, ma anche, hanno spiegato il premier Giuseppe Conte e il presidente dell’Inps Pasquale Tridico, per colpa degli hacker (a qualcuno bisogna pur darla la colpa..)

Sul sito dell’istituto sono giunte 100 domande al secondo. L’Inps – ha spiegato Tridico intervistato da Rainews24- ha ricevuto 339.000 domande per l’indennità dei lavoratori autonomi che hanno dovuto interrompere la loro attività a causa dell’emergenza coronavirus. Tridico ha ribadito che non c’è un ordine cronologico per il pagamento della prestazione di 600 euro e che i pagamenti cominceranno il 15 aprile e proseguiranno per tutto il mese.

Sempre Tridico ha fatto sapere che il sito dell’Inps sarà riaperto con orari diversi per chiedere le prestazioni per patronati e consulenti e per i cittadini. “Lo riapriremo dalle 8.00 alle 16.000 per patronati e consulenti e dalle 16.00 per i cittadini”.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: