Ecco le auto che finiscono più spesso dal meccanico

0 0
Read Time:2 Minute, 14 Second

Chi pensa di aver concluso un affare d’oro comprando una macchina (nuova o di seconda mano) a buon mercato, a volte si accorge fuori tempo massimo di fare i conti senza…il meccanico! Non sono rari i casi di veicoli sulla carta competitivi su tutti i fronti, convenienti sia dal punto di vista del costochiavi in mano” che sul piano delle prestazioni, ma poco affidabili a livello di resistenza ed economicità dei pezzi di ricambio.

Insomma, se il ricorso alle cure dell’officina diventa abituale, la gestione e il mantenimento dell’auto si rivelano un vero e proprio incubo senza fine. Stando ai dati raccolti dalla società tedesca Dekra su un ampio campione di vetture circolanti in Europa, tra le automobili di lusso meno virtuose dal punto di vista della durata della componentistica, dei costi e dei tempi per le riparazioni c’è la Mercedes classe A: perdite di olio dagli ammortizzatori e usura anomala dei dischi del freno i suoi talloni d’Achille.

Braccetti delle sospensioni e cuscinetti dell’asse posteriore sono invece i punti deboli della Volkswagen New BeetleCenerentola” nel segmento delle compatte e ospite fissa delle officine di assistenza dopo un paio di anni dalla scadenza della garanzia: un affascinante giocattolo a 4 ruote destinato, purtroppo a rompersi sul più bello!

La Citroen Xsara Picasso venduta in tutta Europa nel decennio 2003/2012 ha dato lavoro a tanti meccanici con frequenti guasti alla centralina elettronica e al servosterzo (che tende a perdere liquido facilmente) e si è così imposta come “maglia nera” della categoria minivan ex aequo con la Peugeot 807.

Il rapporto Dekra  ha poi messo in cattiva luce anche la Chrysler Voyager, protagonista in negativo di performances degne di nota a livello di sistema frenante con pesanti criticità sulla tenuta complessiva del motore a completare il già problematico quadro: più ombre che luci per un veicolo ambizioso e non privo di charme

Sul terreno delle auto per la città, un posto d’onore in classifica va riservato alla Lancia Ypsilon, habituè del meccanico a causa della scarsa resistenza all’usura delle pastiglie e dei dischi del freno con l’aggiunta delle continue perdite di olio dal motore ad aggravare ulteriormente la situazione. La poco ambita “maglia rosa” di questo tour delle officine automobilistiche va alla Fiat Panda, primatista assoluta delle city cars per vulnerabilità delle sospensioni, perdite di olio e falle nello scarico: qualche gradino sopra l’utilitaria italiana Peugeot 107, Matiz e Kia Picanto.

fonte social.excite.it

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: