Elezioni. Tornano i fantasmi dal passato, non bastava Berlusconi, ora anche Prodi

0 0
Read Time:1 Minute, 6 Second

La piega che ha ormai preso la riforma della legge elettorale lascia sempre meno dubbi sull’esito delle prossime elezioni. Anche se ci potrà essere un partito in grado di portare a casa la maggioranza dei seggi in Parlamento, questo rischieràprodi

di non avere i numeri sufficienti per esprimere un governo stabile  Su questo scenario: in assenza di un leader capace di fare sintesi tra i partiti più votati, la tentazione di Sergio Mattarella potrebbe essere quella di richiamare addirittura Romano Prodi. L’ex premier sarebbe il clamoroso tentativo dei “poteri forti, pronti a giocare attorno a lui l’ultima battaglia per la propria sopravvivenza”. E se qualcuno riteneva il nome di Prodi fuori da ogni logica, si sarà dovuto ricredere leggendo l’intervista rilasciata solo 24 ore dopo al Fatto Quotidiano. Il tono usato da Prodi è sempre meno quello del padre nobile che se ne sta in uno studiolo a dispensare consigli, sempre più quello del leader politico che arringa gli scontenti in nome di una purezza – quella dello spirito ulivista – ormai sporcata da Matteo Renzi e soci.

Non smette di insistere che la sua posizione con il Pd è in una “tenda vicino al partito, ma la tenda – ha aggiunto stavolta – si può mettere nello zaino e rimettersi in cammino”. Eccolo qua il Prodi prossimo a tornare in campo. Siamo proprio alla frutta

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: