Francia. Il Consiglio di Stato sospende il divieto del burkini. Il paese è spaccato

0 0
Read Time:1 Minute, 55 Second

Il Consiglio di Stato francese sospende il divieto del burkini sulle spiagge di Villeneuve-Loubet, poco lontano da Nizza. “Il consiglio di Stato riconosce illegittimo e sospende il divieto introdotto a Villeneuve-Loubet. In questo modo il Consiglio di Stato tutela le libertà fondamentali, limita il potere dei sindaci quando questi ultimi le violano e lo fanno in modo infondato”, ha detto l’avvocato della Lega dei diritti dell’uomo che assisteva alla riunione del Consiglio.
Il burkini è morto, lunga vita al burkini. Il Consiglio di Stato francese ha decretato la bocciatura dell’ordinanza anti-burkini, con cui diversi sindaci di località balneari, sopratutto in Costa Azzurra, hanno vietato il costume islamico integrale indossato da diverse bagnanti di fede musulmana. La sentenza, in particolare, riguarda la misura anti-burkini emessa dal Comune di Villeneuve-Loubet, dopo un ricorso presentato dalla Lega dei Diritti dell’Uomo e dal Comitato francese contro l’islamofobia. Da tempo il bando del costume islamico integrale ha raccolto asprissime critiche dentro e fuori il Paese, da parte dei musulmani ma non solo. Ad esempio, l’ambasciata francese a Londra era stata teatro di una manifestazione di donne contrarie al divieto di burkini.

Nonostante la decisione del Consiglio di Stato transalpino, però, i sondaggi indicano come la maggior parte della popolazione sia comunque favorevole al bando. Non è un caso, infatti, che l’ex presidente della Repubblica Nicolas Sarkozy abbia promesso appena ieri di estendere il divieto di burkini a tutto il Paese se dovesse essere eletto nuovamente all’Eliseo nelle elezioni politiche in programma per il 2017.

In attesa di scoprire quali saranno le conseguenze pratiche della sentenza emessa odel Consiglio di Stato, però, il dibattito continua a divampare. Intervistato dalla britannica Radio 4 della BBC, il vicesindaco di Nizza (una delle città dove sono state elevate più sanzioni contro le donne che indossavano il costume integrale, ndr) ha spiegato che “Andare in spiaggia in burqini è proibito perché è una provocazione. La religione e lo stato sono completamente separati. La religione è affare di tutti, ma di tutti a casa loro, di tutti in chiesa, non di tutti per strada”.

Messo alle strette dall’intervistatore che gli chiedeva se il divieto riguardasse anche l’abito religioso delle suore, il vicesindaco ha dovuto ammettere, un po’ imbarazzato, che teoricamente il bando si estenderebbe anche alla veste delle suore.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: