Francia nel caos: un morto, 227 feriti, 6 gravi. Scontri a Parigi

Un’onda di quasi 300.000 donne e uomini in gilet giallo, quelli catarifrangenti obbligatori in auto, ha investito la Francia. Una protesta senza capi né portavoce, partita dalle campagne più povere colpite dal caro-carburante e finita sotto le finestre dell’Eliseo, circondato dai manifestanti che cantavano la Marsigliese e gridavano «Macron, dimettiti».Tanta la tensione ai 2.400 blocchi stradali, su autostrade, rotatorie, statali, cavalcavia. Una manifestante col gilet giallo è stata investita questa mattina in Savoia da un’altra donna al volante, presa dal panico in mezzo ai dimostranti che battevano sul tetto della sua vettura. I feriti sono stati 227, 6 dei quali gravi, oltre un centinaio i fermati. Sporadiche le violenze, soprattutto contro Prefetture e Comuni, come accaduto a Troyes e Quimper L’ordine impartito ai 4.000 gendarmi e poliziotti di rinforzo alle forze dell’ordine regolari in oltre 2.000 punti di tensione era di evitare qualsiasi incidente, anche soltanto immagini di violenze che potessero finire sul web

A manifestare non erano né sindacati né partiti, ma gente esasperata dalle tasse, abituata a vivere e lavorare duramente nelle campagne, persone che spendono una parte sempre più importante del loro stipendio per fare il pieno. Molte le donne, anche non giovani, le famiglie con i figli. Chiara l’intenzione di tutti di manifestare pacificamente la loro rabbia profonda. Se ne è avuta la dimostrazione alla Concorde, quando la tensione ha raggiunto il suo punto più alto per qualche centinaio di gilet gialli determinatissimi a raggiungere l’Eliseo.

Di fronte ai segnali di aggressività di gruppi di giovani, ai quali si erano mescolati black bloc di estrazione «metropolitana», i gilet gialli si sono dati la mano e hanno formato un cordone per «proteggere» la polizia. La cartina della Francia dei blocchi ha visto due zone di forte densità, nel nord e nel sud, in Savoia, proprio dove si è registrata l’unica vittima. Era una donna di 63 anni, finita sotto le ruote di una automobilista di una cinquantina d’anni, presa dal panico insieme alla figlia che stava accompagnando dal medico. L’auto era stata circondata dai manifestanti che avevano preso a battere sul tetto e sul cofano.

Un incidente che il ministro dell’Interno, Christophe Castaner, ha addebitato al fatto che il blocco stradale – come la maggior parte di quelli di oggi – non fosse stato annunciato nè autorizzato. La prefettura non aveva autorizzato neppure la manifestazione di Parigi, che ha preso forma verso il primo pomeriggio, quando dal peripherique, la tangenziale, i manifestanti si sono spostati verso gli Champs-Elysees, con le loro auto, molti in moto e scooter. Appena sbarcati sulla grande avenue, la polizia ha chiuso gli Champs-Elysees alla circolazione e il centro della capitale si è tinto di giallo. Alla Concorde sono affluite diverse centinaia di manifestanti, l’avanguardia determinata a raggiungere il vicino Eliseo. Sulla rue du Faubourg Saint-Honoré, la residenza presidenziale è stata accerchiata da destra e sinistra, i manifestanti sono arrivati fino a un centinaio di metri dal portone principale. Avvicinarsi di più era impossibile, la strada era completamente blindata dai furgoni con le griglie di ferro estraibili, alte 20 metri e in grado di incollarsi ai muri. I gilet gialli hanno cantato a squarciagola la Marsigliese, fra i cori che chiedevano con insistenza le dimissioni di Macron. Molto lentamente, e fra qualche tafferuglio di troppo, i manifestanti hanno lasciato Parigi in serata, dandosi appuntamento per i prossimi giorni, alcuni irriducibili addirittura a domani, per non dare tregua.

È dall’Eliseo accerchiato che si attende ora un segnale, una forma di risposta di Macron a questa mobilitazione che, se non numerosa come ci si attendeva, certamente di forte impatto politico. Dal caro-carburante, la rivolta è diventata quella della Francia che lavora duro e che alla fine del mese si ritrova a secco, contro la Francia «parigina» e dei centri metropolitani, dei ricchi, di chi può fare il pieno di benzina senza soffrire troppo.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *