GB. I deputati contro le aziende che obbligano le donne a vestirsi da donna

0 0
Read Time:43 Second

Dura campagna contro le aziende del Paese che obbligano in modo illegale le donne a vestire particolari ‘dress code’, che prevedono in primo luogo i tacchi alti.

Si tratta di una forma di discriminazione sessista da fermare al più presto secondo un rapporto redatto dal Women and Equalities Committee. Nonostante la pratica sia vietata dall’Equality Act del 2010, troppe società continuano a indicare un vestiario particolare alle loro dipendenti che in caso di rifiuto rischiano di perdere il posto.

Alcuni deputati invocato un inasprimento della legge e l’introduzione di sanzioni per le aziende che violano le regole. A denunciare per prima quanto accade fra le scrivanie del Regno era stata Nicola Thorp, receptionist licenziata perché si era presentata al lavoro con le scarpe basse, promotrice di una petizione che ha raccolto oltre 150 mila firme e verrà discussa in parlamento il 6 marzo.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: