Gigi Riva racconta il suo amore per la sardegna: “Nel nostro cielo un rombo di tuono” raccoglie i suoi primi applausi

0 0
Read Time:2 Minute, 53 Second

Nella sala grande del Cinema Odissea di Cagliari, gremita di giornalisti locali e nazionali, si è tenuta l’anteprima di “Nel nostro cielo un rombo di tuono”, di Riccardo Milani, autore di grandi successi di pubblico e critica quali “Benvenuto presidente!”, che per la prima volta è riuscito a convincere Gigi Riva a partecipare a un’opera che racconta la sua storia esistenziale e nel calcio, offrendoci anche uno spaccato della nostra storia collettiva.

Dopo lo spettacolo, alcuni spettatori speciali, presenti in sala, hanno risposto alle domande durante la conferenza stampa. «Provo fin da quando ero bambino provo una forte riconoscenza verso Gigi Riva», dichiara Riccardo Milani, «per quanto ha saputo incarnare un modello di etica sia sportiva che di vita, trasmettendo dei valori oggi ancora più necessari. Per me sono state un dono le parole che abbiamo condiviso insieme, ma anche i silenzi». Il figlio del fuoriclasse, Nicola Riva, sottolinea che: «Solo una persona come Riccardo Milani, con dei tratti caratteriali simili a quelli di mio padre, poteva riuscire a coinvolgerlo nella realizzazione del film». La giornalista Rai Miriam Mauti, da moderatrice, ha aggiunto che «”Nel nostro cielo un rombo di tuono» è anche un racconto non solo della Sardegna ma anche dell’Italia in quel periodo storico».

Un compagno di quel Cagliari straordinario, Beppe Tomasini, ha ricordato che «non credevamo di poter vincere davvero lo scudetto 1969-70, se non a metà della stagione, ma eravamo sempre ben coscienti dello straordinario affetto del popolo sardo». Gli fa eco Angelo Domenghini, anche lui, come Riva, rimasto a vivere in Sardegna dopo la fine della carriera; ha specificato che «non avremmo mai vinto scudetto senza Gigi che trascinava tutti, ma ognuno di noi dava il massimo, non eravamo solo compagni di squadra ma veri amici nella vita». «E ci auguriamo che la risposta dell’Isola sia molto positiva», ha dichiarato Massimiliano Orfei, amministratore delegato di Vista Vision: «così da poterlo portare in giro in Italia». Erano presenti anche calciatori legati al Cagliari del recente passato, come Alessandro Steri, Fabio Frongia, Roberto Muzzi, Andrea Cossu e Leonardo Pavoletti.

“Nel nostro Cielo un Rombo di Tuono” è prodotto da Wildside, Vision Distribution, in collaborazione con Sky e con il sostegno della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione Sardegna Film Commission della Regione Sardegna, del Comune di Cagliari, della Fondazione di Sardegna e del Cagliari Calcio. Co-marketing di Silvio Carta, Blue Shark di Marco Isola, Unipol Group, Ferraguti Group.

Il film è sbarcato nelle sale sarde: a Cagliari al Cinema Odissea, al Greenwich e alla Notorious multisala programmato a partire da lunedì 7 novembre. Iniziano le proiezioni lunedì 7 anche al Madison di Iglesias, al Prato di Nuoro, all’Ariston di Oristano e al Moderno di Sassari. Le proiezioni si concentrano su tre giorni, dal 7 al 9 novembre, al The Space di Quartucciu e di Sestu, al Vittoria di Uta e al cinema Garibaldi di Tortolì. Il docufilm sarà in cartellone il 7 e l’8 novembre al Supercinema di Carbonia, e solo in una data, il 9 novembre, al Miramare di Alghero.

«Questo è un film sui grandi valori dell’amicizia», afferma Giorgio Ariu, Consigliere di amministrazione della Fondazione Sardegna Film Commission della Regione Sardegna, «che ha permesso al regista di innamorarsi, oltreché del suo mito, anche di un’idea filmica che ha convinto una roccia come Riva ad accettare. Probabilmente, la possibilità di coinvolgere attivamente i suoi figli, è stata per lui un’altra ragione importante».

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: