Gli spazi della Vetreria di Pirri non si possono utilizzare, le compagnie senza teatro

Cosa sta succedendo alla Vetreria di Pirri? E’ quello che si è cercato di capire stamattina nell’incontro con la stampa convocato nel Centro comunale d’arte e cultura dal Cada Die Teatro, dal Crogiuolo e dalla cooperativa sociale Cemea, componenti dell’Ati che ha in gestione lo spazio. Ha aperto la conferenza stampa Alessandro Mascia, presidente della cooperativa Cada Die Teatro, capofila dell’Ati, sono intervenuti Rita Atzeri, presidente e direttore artistico del Crogiuolo, Renato Perra, presidente dei Cemea, ed Edoardo Tocco, Presidente del Consiglio Comunale di Cagliari.
Il Centro comunale d’arte e cultura La Vetreria è diventato nei suoi 16 anni di attività un presidio, e un punto di riferimento, importante per la città e il territorio, dal punto di vista sia culturale che sociale. Il primo bando a cui l’Ati ha partecipato si è concluso nell’agosto 2018. E’ stata quindi concessa una proroga fino al luglio 2019, e nello scorso agosto alcuni spazi della Vetreria sono stati riassegnati provvisoriamente dal Comune di Cagliari all’Ati con un altro bando, dal quale è escluso il Teatro, in cui dovrebbero iniziare dei lavori per la messa in sicurezza, e altri locali della Vetreria (Cafè Ludico e Torretta), fondamentali per lo svolgimento dei servizi delle attività culturali, aggregative e sociali.
“Tutto ciò – dichiarano i componenti dell’Ati – unito ad alcune disposizioni degli uffici comunali, che vietano di utilizzare gli spazi per le attività di spettacolo, sta determinando un quadro incerto e nebuloso per le prospettive del Centro e delle imprese che in esso operano”.
Per questi motivi è stato convocato l’incontro di stamattina. Alessandro Mascia, Rita Atzeri e Renato Perra hanno tracciato e spiegato la situazione che si è venuta a creare, sottolineando che da qualche tempo si registrano anche alcune difficoltà di dialogo con l’Assessorato comunale alla Cultura: “La necessità – hanno ribadito – è semplicemente quella che le nostre istanze vengano ascoltate. Fino a oggi non siamo mai riusciti a incontrare l’assessore Piroddi”.
Edoardo Tocco, pur ammettendo di non conoscere a fondo la questione, ha dichiarato che si impegnerà a raccogliere tutti gli elementi per meglio capire, interloquendo con l’assessore e gli uffici competenti : “Credo che una mediazione sia necessaria”, ha sottolineato. Cogliendo una sollecitazione arrivata dall’intervento di Marzia Cilloccu, consigliere comunale e componente della Commissione Cultura, che ha annunciato la presentazione di un’interrogazione in Consiglio per sollevare il problema e trovare quanto prima una soluzione, Tocco ha proposto che un passaggio importante potrà essere la convocazione delle parti coinvolte nella prossima seduta della Commissione Cultura. E’ intervenuta anche Maria Laura Manca, presidente della Municipalità di Pirri: “Questa è una vera e propria vertenza”, ha detto, mettendo l’accento sulla situazione di chi in Vetreria lavora e sull’importanza che il Centro riveste per il territorio.
All’incontro di stamattina, che ha visto la presenza nutrita di altri operatori dello spettacolo e della cittadinanza, hanno partecipato, inoltre, il vicepresidente della Municipalità di Pirri, diversi consiglieri comunali e della stessa Municipalità.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: