Hertz Dinamo Academy, missione compiuta

Questa tredicesima di campionato contro la Aurora Jesi Termoforgia, era una partita da ultima spiaggia e la Hertz Cagliari Dinamo Academy lo sapeva bene: non poteva sbagliare, perchè una sconfitta avrebbe davvero significato buttare via un intero campionato, quindi con determinazione e cattiveria agonistica ha gestito la partita, punendo sul finale l’avversaria di turno. Doveva vincere, si diceva, e lo ha fatto con il punteggio finale di 89-85, conquistando il terzo successo in campionato (secondo consecutivo) con una bella partita a tratti anche divertente, giocata al PalaPirastu – peraltro semivuoto – in un clima di vigilia natalizia allietato dal lancio da parte del pubblico, di peluche per i bambini meno fortunati, dopo il primo canestro segnato.

E’ stato un match equilibrato, giocato punto a punto, più col cuore che con la capacità tecnica. La Hertz Dinamo Academy che propone come quintetto base di inizio gara, Miles, Picarelli, Matrone, Bucarelli e Johnson ha un avvio incerto e chiude il primo quarto in svantaggio 17 a 21 con con uno score parziale di 5 punti di Miles, 2 di Bucarelli, 3 di Picarelli, 4 di Rullo, 2 di Matrone, 1 di Johnson.

Al secondo quarto, la Hertz Cagliari Dinamo Academy, schiera all’avvio, Miles, Rovatti, Bucarelli, Allegretti e Janelidze: la partita è aperta ma la squadra di casa ancora stenta e chiude in svantaggio per 39 a 43. I sardi sono in partita ma non trovano la zampata vincente per il sorpasso: d’altra parte le percentuali al tiro parlano chiaro, 43,2% Jesi, 38,9% Cagliari; Jesi è in vantaggio anche perchè è più precisa al tiro.

Dal terzo quarto le cose cambiano, i rossoblù partono spediti e vanno in vantaggio con una tripla di Janelidze; la partita si anima e le squadre procedono punto a punto fino al finale parziale di 61 a 63 a favore della Aurora Jesi Termoforgia.

L’ultimo quarto è della Hertz Dinamo Academy, che gioca complessivamente meglio: il finale addirittura esalta il pubblico che finalmente si fa sentire sugli spalti; i rovesciamenti di fronte sono continui e adesso la squadra di casa sorpassa gli avversari, facendo segnare un parziale vincente di 17 a 3. Il finale è quasi scritto: un rimbalzo offensivo di Johnson e i liberi di Miles e la vittoria è in tasca. La partita si chiude con la vittoria ed il giusto tributo di applausi alla squadra, da parte del pubblico festante.

I cagliaritani hanno il merito di non aver mollato mai, di aver giocato con molta più maturità rispetto alle prestazioni passate e di aver rimesso in carreggiata una stagione che appariva ormai andata; c’è ancora da lavorare, sopratutto sull’attacco da tre punti apparso oggi non molto prolifico con un 8/32 pari a un 25% decisamente non esaltante, ma comunque la strada è quella giusta e il campionato ha decisamente svoltato. Adesso quindi viene il bello, perchè la Hertz Cagliari Dinamo Academy è a soli due i punti dalla zona play out.

Avanti così, ora tutto può accadere.

Hertz Dinamo Academy: Janelidze 17, Miles 21, Johnson 20, Bucarelli 7, Picarelli 6, Allegretti 2, Rullo 10, Rovatti 2, Matrone 4.

Allenatore: Alessandro Iacozza

Aurora Jesi Termoforgia: Rinaldi 18, Dillard 17, Lovisotto 7, Jones 17, Baldasso 11, Valentini, Tote 10, Mascolo 5.

Allenatore: Damiano Cagnazzo

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *