Hertz Dinamo Academy, non resta che vincere

Ufficializzato qualche giorno fa il passaggio di consegne tra Riccardo Paolini ed Alessandro Iacozza alla guida della squadra, oggi il nuovo allenatore ha presentato in conferenza stampa presso la Club House di viale Bonaria, la partita casalinga in programma domani al Palapirastu ore 20:30, contro la Apu Gsa Udine.

Alessandro Iacozza, appena ricevuta la comunicazione da parte della società, della sua promozione alla guida della squadra, come primo pensiero ha avuto quello di chiamare il vecchio head coach che lo ha invitato a prendere la squadra e andare avanti; iniezione di fiducia da parte di Paolini per accettare l’impegnativa sfida che lo attende. Iacozza parla di approccio iniziale positivo con favorevoli sensazioni nei suoi confronti da parte della squadra, dello staff, della proprietà.

La partita di domani sarà decisamente impegnativa, l’avversaria è squadra compatta, d’esperienza e con due ottimi stranieri, proprio per questo la Dinamo Academy in settimana ha lavorato bene; Iacozza lo racconta, spiegando che si è soffermato molto sull’aspetto mentale e sull’atteggiamento con il quale deve affrontarsi l’intera gara; ci sono stati anche colloqui individuali con i giocatori, per cercare di infondere energia mentale, risolvere il problema della continuità di gioco, per riuscire a ridare quella fiducia nelle proprie potenzialità, che la squadra complessivamente sembra avere smarrito.

Occorre, dice ancora Iacozza, dare una sterzata ed invertire la tendenza, consapevoli delle difficoltà che la posizione in campionato indica; evitare i cali di tensione, riacquistare fiducia in se stessi e prendere energia dal gioco offensivo. Sul lato dei possibili rinforzi, la società è vigile sul mercato ma quello che più conta e sul quale ci si sta impegnando davvero tanto, è proprio la continuità di rendimento che ancora non si è dimostrata per tutta la intera durata della partite.

La fiducia non manca, lo scossone è stato dato, adesso è il momento di vincere, due punti in classifica dopo nove giornate di campionato sono davvero troppo pochi.

Alberto Porcu Zanda

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *