I bambini del terremoto

0 0
Read Time:4 Minute, 8 Second

Un piccolo miracolo, una storia a lieto fine che riesce a strappare un sospiro di sollievo e attimi di gioia in un contesto pieno di macerie, disperazione e morte. Ma ai momenti di gioia, per il recupero dei sopravvissuti, si alterna la tristezza e la disperazione per chi non ce l’ha fatta.

bambina salva dopo 17 ore-kfWH-U43220134825876s3C-1224x916@Corriere-Web-Sezioni-593x443

C’è chi è sopravvissuto, come Samuele e Leone Vertecchi (4 e 6 anni), estratti vivi a Pescara del Tronto salvati dalla nonna Vitaliana che li ha fatti accucciare sotto il letto appena la terra ha iniziato a tremare: ma sono tante le piccole vittime, dagli otto mesi a pochi anni, del terremoto che ha devastato il Centro Italia, corpicini esanimi tirati fuori da sotto le travi in un silenzio surreale. A poche centinaia di metri da quella casa dove si trovavano Samuele e Leone, un altro bambino e un’altra nonna purtroppo hanno perso la vita: Giordano Ciarpella, 4 anni, era in braccio alla signora Amelia quando il solaio è venuto giù.

Giorgia Rinaldo ha solo 4 anni e intorno alle 20 di mercoledì, dopo quasi 17 ore di ricerche senza sosta, è stata estratta viva, tra le luci delle lampade e il grido di liberazione dei soccorritori, dalle macerie della casa di Pescara del Tronto implosa durante il terremoto.
La stessa sorellina di Giorgia, di 9 anni, che era stesa accanto a lei, non ce l’ ha fatta. E poco distante, mentre i vigili del fuoco recuperavano la piccola sopravvissuta, si continuava a scavare alla ricerca di altre persone, due bambine e la nonna, sepolte sotto un’abitazione vicina sgretolatasi dopo la violenta scossa. Ma, purtroppo, in questo caso non c’è nessuna notizia positiva da raccontare: bimbe e nonna sono state estratte dalle macerie ma senza vita.

«L’hanno sentito chiamare aiuto», aveva detto uno speleologo che ha partecipato ai soccorsi. Ma quel flebile grido di aiuto si è trasformato in silenzio. Ma in quell’assordante quiete si è continuato a scavare con l’ausilio anche dei cani «molecolari». Speranza viva fino alle 20 di mercoledì quando il corpicino del bimbo di 11 anni è stato recuperato ma, anche in questo caso, senza vita. Nella stessa zona del centro in mattinata erano stati estratti quattro cadaveri e due ragazze ancora vive.
Lieto fine anche per la piccola Giulia che è stata estratta dal cumulo di detriti che la ricoprivano.

Ad Accumoli un’intera famiglia è sta cancellata. Segnalata la presenza dai cani, i soccorritori scavano e recuperano un bambino di 8 mesi: è vivo ma muore all’arrivo in ambulanza. Trascorsi pochi minuti vengono estratti anche il padre e la madre del piccolo trovati abbracciati e senza vita. Le ultime speranze di trovare vivo il secondo fratellino di 8 anni, svaniscono quando anche il suo corpo viene estratto dalle macerie di quel che rimane della loro casa. Vivevano in un edificio accanto alla chiesa, il cui campanile è crollato completamente causando la morte di tutti i membri della famiglia.

Marisol Piermarini aveva solo 18 mesi ed era in vacanza con i genitori.Stava dormendo nel suo lettino nella casa delle vacanze ad Arquata del Tronto, quando il terremoto ha sbriciolato l’abitazione. La mamma Martina Turco era scampata al terremoto dell’Aquila, la sua città. Dopo la terribile esperienza del 2009 aveva deciso di trasferirsi ad Ascoli. Ora il terremoto le ha strappato la figlioletta. Martina è ricoverata all’ospedale regionale Torrette di Ancona, dove è stata sottoposta a esami diagnostici approfonditi per scongiurare gravi conseguenze per essere rimasta a lungo sepolta sotto le macerie. Il compagno Massimiliano è all’ospedale Mazzoni di Ascoli per le ferite riportate in varie parti del corpo, ma non è in pericolo di vita. Intanto un un’altra stanza del nosocomio si trova il corpicino di Marisol vegliato dei familiari, sconvolti per la perdita.
Ad Amatrice il tragico destino colpisce anche due gemellini di 7 anni: Simone e Andrea Serafini sono altre due piccole vittime di questo terremoto. Andrea è stato estratto senza vita mentre Simone era ancora vivo ma versava in gravissime condizioni: i tentativi di strapparlo alla morte, però, sono stati vani. Le ferite e la fatica delle tante ore trascorse sotto le macerie sono state fatali per i due gemellini. Nella piccola frazione di Pescara del Tronto, distrutta dal sisma, morti anche due bambini romani. Un uomo, invece, si è lanciato dalla finestra con la figlia Elisabetta di 6 anni per salvarsi e, fortunatamente, entrambi stanno bene e sono riusciti subito a lasciare la frazione. Non ce l’ha fatta, invece, un piccolo di 4 anni di Amatrice, deceduto in ospedale ad Ascoli Piceno. Mentre due fratelli di 14 e 12 anni sono morti sempre nello stesso pesino. È stato estratto senza vita anche il corpo del padre, Ezio Tulli di 42 anni, assistente capo della polizia stradale in servizio ad Aprilia. Illesa, invece, la mamma anche lei poliziotta. Anche questa famiglia si trovava in vacanza nel paesino della provincia di Rieti.

191101666-e0cc58be-dfe9-4cf8-8d91-a89ae512c24f

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: