Il distretto rurale “Marmilla” è verde

0 0
Read Time:2 Minute, 12 Second

Si chiamerà “Distretto Rurale Marmilla Verde”. E’ la denominazione scelta per il distretto rurale Marmilla durante l’ultimo dei sei incontri con le imprese e le realtà economiche e sociali del territorio nell’aula consiliare di Lunamatrona.

Verde è il colore della Marmilla, delle sue colline, soprattutto in questo periodo primaverile.

Verde è il colore che richiama il comparto agricolo e agroalimentare del territorio, con tante materie prime e prodotti di eccellenze, che proprio il distretto rurale si propone di valorizzare, ma anche la scommessa sulle energie rinnovabili.

Un progetto e un’iniziativa portati avanti oramai da un anno dall’Unione di comuni “Marmilla” assieme alle sue diciotto amministrazioni comunali, ai privati e alle associazioni della zona.

Ora si entra nella fase cruciale: la predisposizione del progetto definitivo e il suo invio agli uffici regionali dell’assessorato all’agricoltura per il riconoscimento del distretto rurale.

GLI INCONTRI Sono stati sei gli incontri partecipativi, che si sono svolti tutti nell’aula consiliare di Lunamatrona, alla presenza di sindaci, amministratori locali, imprese, privati, organizzazioni di categorie, associazioni e sindacati con il supporto e il coordinamento tecnico dell’agenzia regionale Laore. “Finora sono una cinquantina le imprese che hanno aderito al nostro distretto”, ha sottolineato il presidente dell’Unione di comuni “Marmilla” Marco Pisanu, “ma la adesioni sono ancora aperte e i moduli si trovano nel sito della nostra Unione, ma anche in quelli dei diciotto comuni del territorio. Privati, partecipate e non lasciatevi sfuggire questa occasione per il rilancio economico del settore”.

IL DISTRETTO Nell’ultima riunione a Lunamatrona è stata individuata, all’unanimità, anche la forma giuridica del distretto rurale: “Fondazione di partecipazione”. Poi la scelta del nome: “Distretto Rurale Marmilla Verde”. Il colore verde richiama anche la green economy, ovvero la scommessa sulle energie rinnovabili e i progetti delle comunità energetiche. Maria Giuseppina Cireddu, dirigente del Servizio sviluppo dei territori e delle comunità rurali dell’Assessorato regionale dell’agricoltura, ha ricordato: “Il distretto rurale è un nuovo strumento di pianificazione creato dal legislatore per favorire lo sviluppo locale, per rendere più forti sul mercato i produttori, le aziende e gli imprenditori, valorizzando le specificità territoriali”. Cireddu ha aggiunto: “Si stanno predisponendo i bandi a livello nazionale per i distretti del cibo, i distretti di filiera e per i contratti di distretto”. Individuata, sempre dall’assemblea a Lunamatrona, anche la sede provvisoria del distretto: gli uffici dell’Unione Marmilla, a Sanluri.

L’IMPEGNO Pisanu ha concluso: “Ora lavoreremo al progetto definitivo. Ma rivolgo ancora un invito alle imprese e ai privati della Marmilla, che non avessero ancora aderito al distretto: vi aspettiamo per questo percorso di valorizzazione e rilancio del territorio”.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: