Il Festival Tuttestorie al via con un progetto speciale a Selargius

0 0
Read Time:4 Minute, 40 Second

Dal 19 al 23 settembre il  17° Festival di Letteratura per Ragazzi Tuttestorie  farà tappa a Selargius presso il Centro Don Orione. 

“Tiritempo”, questo il nome della produzione “Tuttestorie”, è un  progetto a cura di Anna Fascendini, in partnership con l’Opera Don Orione, supervisionato da Giusi Quarenghi, registrato da Monica Serra, con il lavoro sonoro di Luca Maria Baldini e le fotografie di Daniela Zedda.  Il progetto, inoltre, è in collaborazione con la scuola dell’Infanzia Paritaria “Putzu Loddo” e le scuole primarie “I Pini” (Cagliari) e l’Istituto Comprensivo n° 2 di Selargius.

“Tiritempo” nasce dall’incontro tra la regista e attrice Anna Fascendini, il Festival Tuttestorie e il gruppo di operatrici, operatori e anziane/i ospiti dell’Opera Don Orione di Selargius. Anna Fascendini ha voluto indagare il tema del tempo attraverso il gioco del teatro per fare di un’esperienza artistica un’esperienza di cambiamento individuale e collettivo. Come i bambini piccoli, anche gli anziani, soprattutto se malati di Alzheimer, non hanno un’idea temporale riconoscibile e percorribile in modo lineare. Il prima e il dopo si mischiano e si sovrappongono, in una circolarità che non ha misura. Da questo lavoro nascerà una traccia sonora che potrà essere ascoltata all’EXMA di Cagliari. Le voci registrate, così come la musica di Luca Maria Baldini che le accompagna, saranno il tentativo di raccontare un percorso fra età, ritmi e tempi diversi. Il progetto si realizzerà attraverso diverse esperienze artistiche che mettono al centro il gioco del teatro e che dal Centro Anziani si apriranno all’intero festival.

Dal 19 al 22 settembre Anna Fascendini condurrà alcuni laboratori teatrali che coinvolgeranno un gruppo di anziane e anziani e alcune classi della scuola dell’infanzia e primaria e che proseguiranno il 23 settembre con l’Alzheimer Fest Sardegna. Alcune domande guideranno il lavoro. Abbiamo tempo o siamo tempo? Cosa facciamo con il tempo? Cosa fa di noi il tempo? Qual è il ritmo del passato, del presente e del futuro? Qual è il ritmo tra loro? Adesso è tempo di? Qual è la voce del tempo? E Il suo corpo? E intanto? Nel suo viaggio dentro il festival “Tiritempo” incrocerà poi “Rughe, Rigagnoli, Fossi, Fossette”, un progetto a cura di Elena Iodice, con fotografie di Daniela Zedda, che verrà ospitato nella sala Puà del EXMA durante i giorni del festival (6-9 ottobre).  Quaranta anziane/i ospiti del centro diurno e della Comunità alloggio sono stati fotografati per divenire volti/paesaggi, ispirati al lavoro dell’artista Tullio Pericoli, nelle opere realizzate dalle classi della Direzione Didattica S.Caterina di Cagliari. 

Il 7 e 8 ottobre i laboratori “Tiritempo” verranno accolti all’Orto Botanico di Cagliari per un gruppo di bambini dai 3 ai 5 anni accompagnati da nonne/i e bisnonne/i. Sarà ancora un’occasione di incontro per costruire ponti tra le età, le abilità e le presenze nel tempo dell’adesso.

L’EDIZIONE 2022 “QUANTO MANCA?”

Sarà il Tempo quest’anno ad accompagnare ragazzi, ospiti, volontari e tutti i partecipanti della 17° edizione del Festival “Tuttestorie”. Sarà proprio questa risorsa inquantificabile a chiudere la trilogia degli anni della pandemia. Dopo il Corpo (2020) e il Viaggio (2021), il festival sceglie di esplorare il tema del Tempo, lasciando che interroghi i bambini (solo i bambini?) su domande fondamentali (quando arriviamo? quando divento grande? quando potrò? quanto manca al compleanno?). Saranno ancora una volta le storie a prenderci per mano: ci porteranno all’inseguimento del Tempo, nelle sue varie forme, cronologico, meteorologico con un occhio attento al cambiamento climatico; ci lasceranno fra il tempo eterno dell’infanzia e quello, spesso frantumato, della vecchiaia; inseguiremo con loro il ritmo, quello fra prima e doponotte e giorno, estate e inverno; scopriremo che c’è un tempo del qui e ora, dell’attesa e della noia e della cura. Non un festival sul Tempo, dunque, ma un festival sui tanti e diversi Tempi che abitano l’universo.

Come ormai consuetudine il Festival non starà fermo a Cagliari. Fino al 12 ottobre “Tuttestorie”, con un nutrito programma di incontri, sarà anche nelle biblioteche e scuole di  Assemini, Carbonia, Decimomannu, Decimoputzu, Elmas, Gonnesa, Iglesias, Isili, Monastir, Monserrato, Quartu, Ruinas, Selargius, Siliqua, Vallermosa, Villanovaforru, Villasor e Villaspecciosa

In programma incontri, laboratori, spettacoli, narrazioni, performance, installazioni ed eventi speciali, in un intreccio fra diverse forme d’arte e discipline. L’edizione 2022 prevede oltre 370 appuntamenti rivolti ai bambini, ragazzi e adulti curiosi (di cui 285 dedicati alle classi, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria), con 77 ospiti fra autrici, autori, illustratrici e illustratori, atelieriste/i, esperte/i di letteratura per l’infanzia, artiste/i, divulgatrici scientifiche. Molto nutrito il programma scuole, con circa 455 classi coinvolte provenienti da 76 comuni dell’Isola,  e oltre 10.000 studenti già iscritti. il tutto sarà arricchito dai 180 componenti dello staff, volontari e operatori economici

CON IL CONTRIBUTO di Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato Pubblica Istruzione), Fondazione di Sardegna, Fondazione Sardegna Film Commission, Comuni di Cagliari, Quartu Sant’Elena, Gonnesa, Iglesias, Monserrato, Monastir, Villanovaforru, Ruinas e i Sistemi Bibliotecari Interurbano del Sulcis, Sarcidano Barbagia di Seulo e Bibliomedia, Ambasciata E Il Consolato Generale Del Regno Dei Paesi Bassi In Italia, Pro Helvetia – Swiss Arts Council, Icelandic Literature Center, Scottish Books International

Media Partner

Tiscali, Radio X

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: