Incontro online della Soprintendenza di Cagliari sul Museo Maratè

Martedì 29 dicembre, nuovo appuntamento della la seconda edizione di RACCONTI E PAESAGGIO, il progetto promosso dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città metropolitana di Cagliari e le Province di Oristano e Sud Sardegna, con la direzione artistica della Soprintendente Maura Picciau in collaborazione con l’archeologa Gianfranca Salis. Tutti gli eventi in programma sono trasmessi in live streaming sulla pagina pagina Facebook della Soprintendenza Archeologica, belle arti e paesaggio di Cagliari e sul sito www.sabapca.beniculturali.it.

A partire dalle ore 17:30 sarà presentato il libro-catalogo del Museo Maratè, Museo per l’Arte del Rame e del Tessuto di Isili. All’iniziativa prenderanno parte il curatore del volume Sandro Ghiani, per molti anni responsabile dei servizi culturali del Comune di Isili. Saranno presenti anche gli autori dei testi: Simona Campus, storica dell’arte contemporanea e direttrice artistica dell’EXMA’ di Cagliari, l’antropologo museale Mario Turci, direttore del celebre Museo Guatelli di Ozzano Taro Collecchio – uno dei più importanti musei etnografici italiani  – e Alberto Caoci, antropologo ricercatore dell’Università di Città del Capo. Dialogherà con loro la Soprintendente ABAP Maura Picciau.

Il Museo Maratè di Isili è un museo particolarmente interessante nel panorama museografico sardo e non solo: si tratta di un’istituzione museale che ha saputo reinventarsi, accogliendo e sperimentando “l’evoluzione e la trasformazione della concezione stessa di museo, e di museo etnografico in particolare, avvenuta in questi decenni”.

Museo a forte vocazione comunitaria, il Maratè racconta delle due tradizioni artigianali che hanno caratterizzato la vita isilese lungo tutto il Novecento, e anche prima: la tessitura e la lavorazione del rame. Il Museo fu inaugurato alla fine degli anni Novanta, ma nel 2010 conobbe un profondo ripensamento museologico che ha portato l’istituzione a quello che è oggi: un museo che vive strettamente a contatto con la comunità e la sua storia. 

Il volume, di grande formato e corredato da immagini di  qualità di Francesco Piras, si presenta con una veste grafica elegante. 

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: