Intimidazione al sindaco di Bonarcado Franco Pinna

Bonarcado. Ignoti hanno appeso delle viscere di animale al cancello del suo uliveto. Un «preciso ammonimento frutto di un clima avvelenato ad arte, che trova sfogo e cassa di risonanza sui social network dove viene alterata la verità, anche documentale, per suscitare odio contro gli Amministratori, rei di andare contro gli interessi dei bonarcadesi», spiega rammaricato il sindaco di Bonarcado, Franco Pinna, 61 anni.

Come riporta l’Unione sarda, il motivo potrebbe essere legato al piano di valorizzazione delle Terre Civiche, un processo avviato nel 2018 dall’esecutivo Pinna, per cui aveva già ricevuto una intimidazione: il suo nome, quello di un assessore e di un cittadino bonarcadese scritti con le croci sul muro del cimitero.

Lo scorso 19 febbraio la giunta ha approvato il nuovo avviso pubblico e le tariffe (2 centesimi a metro quadro all’anno) per l’assegnazione dei terreni nelle località Pabarile, Pranos e Sos Mulinos, dopo l’approvazione in Consiglio del nuovo regolamento, novembre 2019. Qualcuno però non ha gradito il nuovo piano di gestione che «rispetta la Legge Regionale 12 del 1994 tutelando gli interessi dei cittadini dotandoli di un diritto reale: un contratto di affitto», spiega Pinna. L’intendimento è anche quello di regolarizzare i terreni occupati abusivamente o detenuti senza titolo valido.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: