La falsa tranquillità del Green Pass

0 0
Read Time:3 Minute, 15 Second

E’ ormai assodato che i cosiddetti vaccini non diano immunità, come invece veniva sostenuto all’inizio, e che i vaccinati possono essere contagiati e contagiare allo stesso modo dei non vaccinati, nonché dare vita a mutazioni vaccino-resistenti, questo lo dicono anche gli stessi esperti da salotto televisivo, ma quello che spaventa maggiormente è che il Green Pass spinge, inconsciamente, le persone ad una falsa tranquillità.

E’ logico che ognuno di noi desideri tornare alla normalità e che molti abbiano smesso di seguire gli approfondimenti ed anzi, spesso, sentano un senso di rigetto da notizie di un certo tipo, questo rigetto fa sì che si prendano, per buone, le affermazioni che hanno accompagnato il battage vaccinale e che hanno garantito il raggiungimento dell’immunità una volta vaccinati e, ahimè, spesso si continua su questa linea, parlando ancora della, improbabile nonché illusoria, immunità di gregge. La conseguenza? Che queste persone sono più inclini ad infrangere quelle regole, giuste o sbagliate che siano, che hanno caratterizzato gli ultimi 20 mesi della nostra vita, accompagnando il tutto dalla frase “tanto sono vaccinato”.

Il governo dovrebbe essere lapidario su questo punto e dichiarare pubblicamente, in più di un’occasione, che il lasciapassare non è né un attestato di esenzione dalla malattia e né un certificato di buona salute, ammettendo che chi si vaccina può contagiare ed essere contagiato (ed ammalarsi) come chi non è vaccinato, invece di dichiarare il falso (il falso scientifico) come hanno fatto sia il Presidente del Consiglio Draghi che gli altri governanti con le loro recenti dichiarazioni pubbliche, ma questo significherebbe rimangiare ciò che è stato fino ad ora affermato e mettere a repentaglio la campagna vaccinale e loro non se lo vogliono e non se lo possono permettere.

Cosa avverrà, dunque, nei prossimi mesi? Ci vuole poco a capirlo, lo possiamo continuamente leggere tra le righe e non solo, dato che i grandi giornali e la televisione stanno fomentando avversione e divisione tra le persone, creando e solidificando la convinzione che se le persone vaccinate si ammalano, o più semplicemente vengono trovate positive, è per colpa dei non vaccinati che li hanno contagiati.

Con l’arrivo della consueta stagione influenzale e con i vaccinati che si ammaleranno ed avranno sintomi come tosse, raffreddore, dolori ossei, diarrea, mal di testa e/o la perdita momentanea del sapore e dell’odore, ripartirà la solita campagna terroristica atta a mettere all’indice gli egoisti che non si sono vaccinati, con modalità in linea con la narrativa manzoniana del “dagli all’untore” e si ripercorrerà, ancora una volta, tutta la fastidiosa trafila della precedente stagione influenzale, ma con un aumento esponenziale dell’odio.

Tornando al lasciapassare, in Italia siamo difronte ad un unico europeo, in tutto e per tutto. Negli altri Paesi, dove è entrato in vigore, le restrizioni sono assolutamente il linea con la prevenzione del contagio, unico neo la Francia che, dopo un primo exploit tirannico, con l’obbligo del “pass sanitaire” esteso genericamente ai supermercati, impedendo quindi il normale approvvigionamento del cibo, ha dovuto fare marcia indietro, a seguito di scontri e manifestazioni, e correggere il tiro con la dicitura “[…] grandi negozi e centri commerciali con più di 20.000 m² di superficie

A questo punto resta l’Italia, che lo ha reso obbligatorio prima ai sanitari, poi agli insegnanti, agli studenti universitari e, infine, a tutti i dipendenti pubblici e privati, nonché imprenditori che svolgono lavoro saltuario, creando (volutamente) confusione e costringendo, in modo bieco, le persone a correre ai ripari, molte delle quali vaccinandosi contro la propria volontà.

Vien da sé affermare non solo che il lasciapassare verde non sia necessario, ma sia assolutamente pericoloso e potenziale causa di contagi che si possono creare proprio laddove è richiesto per legge ed è possibile immaginare come saranno additati esclusivamente coloro che non sono vaccinati, nonostante sia proprio il contrario essendo i vaccinati esclusi dal sistema dei test e dei tamponi.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: