“La luce di Algeri”: il quartetto di Loris Leo Lari in concerto stasera a Nuoro Jazz

0 0
Read Time:2 Minute, 18 Second

Giro di boa per il festival Nuoro Jazz, in pieno svolgimento nel capoluogo barbaricino da martedì scorso (18 agosto) fino a giovedì prossimo (27 agosto). Dopo cinque serate incentrate su formazioni e progetti di musicisti che fanno parte del corpo docente dei Seminari di Nuoro Jazz (quest’anno disdetti per l’emergenza Covid-19 e rimandati al 2021), stasera (domenica 23) è il turno del quartetto di Loris Leo Lari, contrabbassista cremonese, classe 1991, che nel suo background di formazione e studi musicali conta proprio la frequentazione dei corsi nuoresi. Con lui in concerto nel giardino della sezione sarda della Biblioteca Satta, a partire dalle 21, Francesco Orio al piano e alle tastiere, Stefano Bruni alla chitarra elettrica e Davide Bussoleni alla batteria: alcuni dei più promettenti giovani jazzisti della scena italiana per un progetto proposto nell’ambito di EsplorAzioni, l’iniziativa condivisa e ideata da MIDJ, l’associazione dei musicisti italiani di jazz, e I-Jazz, la rete dei maggiori festival nazionali, con l’obiettivo di accrescere l’attenzione e creare maggiori spazi per il jazz italiano e per i suoi protagonisti senza limiti di età e di stile.
 
Si intitola “La luce di Algeri” il concerto in programma a Nuoro: brani originali, dal suono fresco, in cui riecheggiano melodie, sonorità e ritmi etnici ascoltati e sperimentati da Loris Lari nei suoi tanti viaggi e in esperienze come la Cairo Jazz Station, nata nell’ambito della rete Medinea (Mediterranean Incubator of Emerging Artists) e approdata anche a Nuoro Jazz, quattro estati fa; musica che spazia dal jazz all’alternative rock, a evocazioni di musica classica, pur mantenendo un suono prettamente acustico, alternando momenti collettivi a interventi solistici, lasciando libertà espressiva al singolo musicista, elemento centrale, insieme all’interplay tra i quattro giovani jazzisti, nella creazione di questo universo sonoro.
 
Il festival Nuoro Jazz prosegue lunedì 24 con il suo settimo appuntamento: Enrico Merlin, musicista, compositore e musicologo (docente ai Seminari nuoresi per il corso di storia del jazz), imbraccerà la sua chitarra per dare vita a una proposta atipica ispirata alla musica di Thelonious Monk, in compagnia di quattro musicisti sardi che hanno ruotato intorno ai corsi di Nuoro Jazz: Matteo Pastorino, clarinettista di fama internazionale, che vive principalmente a Parigi, ma torna periodicamente nella sua Sardegna, Edoardo Meledina al basso, Vito Cauli e Bachisio Pischedda alle batterie e alle percussioni.

 Il festival Nuoro Jazz è organizzato dall’Ente Musicale di Nuoro con il contributo del MiBACT (extra-FUS COVID), della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della Pubblica Istruzione, Beni Culturali, Informazione, Spettacolo e Sport e Assessorato del Turismo), della Fondazione di Sardegna e dell’Amministrazione Comunale di Nuoro, con il supporto della Biblioteca Sebastiano Satta, della cooperativa sociale LARISO, della galleria Mancaspazio, Nuoro di Mereu Auto, del CTS Nuoro, Desacrè e cooperativa Maia.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: