La nota della Cgil sul caso ‘Sardara’

La Cgil prende posizione sul banchetto scoperto dalla Guardia di Finanza, avvenuto gli scorsi giorni alla vigilia del passaggio della Regione Sardegna in zona rossa: “ E’ un’offesa gravissima – dichiara il segretario generale della Cgil Michele Carrus – ai lavoratori in affanno, alle imprese in crisi e a tutti i cittadini stremati dall’emergenza sanitaria, vissuta da tanti, troppi, in prima persona, con familiari e amici che hanno perso anche la vita a causa del Covid”.

Il segretario si dice ‘sconcertato’ dalle notizie sul pranzo a Sardara, “per la presenza di politici e di funzionari, che offendono il proprio ruolo pubblico aggirando le regole, con una

mancanza di rispetto totale per tutti i cittadini in grave disagio e sofferenza per la situazione sanitaria ed economica in cui versa la Sardegna”.

Per la Cgil – conclude la nota – non sarebbe accettabile andare avanti lasciando cadere la vicenda, come a volte accade, nel dimenticatoio: “Chi era presente non può ora non dimettersi. E chi ha ruolo per farlo lo eserciti anzitutto per portare chi non lo facesse spontaneamente a lasciare gli incarichi ricoperti”, sostiene da ultimo Carrus, in riferimento alle notizie secondo cui Solinas reputerebbe inconciliabile la permanenza in qualunque ruolo o incarico regionale di chi abbia violato le norme di contenimento della pandemia.

APZ

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: