Macchiareddu, Fanzecco (Cgil Cagliari) “La ripresa passa per la transizione energetica”

0 0
Read Time:2 Minute, 27 Second

“In bilico tra crisi e opportunità, l’area industriale di Macchiareddu – novemila chilometri quadrati a poca distanza da porto canale e aeroporto, 8 mila lavoratori e circa 400 aziende – potrebbe riscattarsi nel segno della transizione energetica se la Regione, insieme alla Città metropolitana, avviasse un confronto con tutti i soggetti coinvolti, sindacati, imprese, Comuni, con l’obiettivo di tracciare gli indirizzi per un rilancio possibilissimo”.

Così Camera del Lavoro Metropolitana di Cagliari, che denuncia l’attuale situazione di crisi, con una costante flessione dei posti di lavoro, e l’assenza di una politica industriale indispensabile a restituire al territorio una prospettiva di crescita economica e sociale.

“Da una parte – ha detto la segretaria Cgil Cagliari Simona Fanzecco – ci sono imprese in salute che vogliono investire ma i progetti sono spesso bloccati dalla burocrazia, in attesa perenne delle autorizzazioni e spesso senza una sponda dell’amministrazione regionale a Roma, dall’altra c’è la necessità di supportare con azioni mirate le troppe aziende in difficoltà: per farlo è indispensabile
governare lo sviluppo delle attività produttive, dando un indirizzo chiaro e promuovendo tutte le misure necessarie a perseguire gli obiettivi”.

Quali? Innanzitutto, rilanciare l’esistente e creare le condizioni per attrarre nuove imprese. Come? Le parole chiave sono energia e trasporti, due nodi critici da affrontare e sciogliere.

“L’area di Macchiareddu – spiega la segretaria – non brilla per infrastrutturazione, scarseggia persino l’illuminazione, per dirne una, e occorrerebbe intervenire sulla viabilità, magari riprendendo i lavori sulla nuova strada a ridosso delle Saline. E c’è il tema energetico, i cui costi minano l’esistenza stessa delle imprese attuali e spaventano chiunque abbia la buona volontà, e l’idea giusta, per investire”.

Non a caso, per la Cgil l’indirizzo da imprimere non può che passare per le opportunità legate alle transizioni in atto, anche cogliendo la possibilità di intercettare le risorse del Pnrr, ad esempio puntando
su energie rinnovabili e produzione e utilizzo dell’idrogeno. E’ un treno che va preso adesso, senza perdere altro tempo. In questo quadro il sindacato rivendica anche un ruolo più forte da parte del Cacip,
che potrebbe trainare lo sviluppo con iniziative di promozione e indirizzo, così come è auspicabile l’estensione a tutta l’area delle attività del Tecnocasic”.

“Oltretutto, assistiamo da anni allo spopolamento dei Comuni di tutta una zona sull’orlo di una crisi sociale drammatica che va scongiurata in tutti i modi”, aggiunge Simona Fanzecco sottolineando che “non accettiamo questo fenomeno come un processo irreversibile, dobbiamo invece impegnarci tutti e creare le condizioni per frenare la fuga di giovani e meno giovani”.

Da qui l’appello alle istituzioni, agli assessorati regionali Industria e Lavoro, insieme alla Città Metropolitana, perché convochino le parti sociali e gli enti locali con l’obiettivo di rilanciare l’area a vocazione industriale, sulla quale sono state investite in passato risorse pubbliche e che oggi, a
distanza di poco più di cinquant’anni dalla nascita, può davvero scommettere su una nuova ripartenza.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: