Macomer. Al Haj Amin era pronto a colpire

0 0
Read Time:44 Second

Macomer. Al Haj Amin, 38enne saudita affiliato all’Isis,  sapeva di essere controllato dalla polizia,  a fine settembre aveva perquisito il suo appartamento nel rione Scalarba e gli avevano sequestrato la carta di credito prepagata. Secondo gli investigatori continuava a progettare un attentato da compiere nell’isola. A confermarlo c’è una conversazione intercettata il 13 novembre e richiamata nell’ordinanza di arresto firmata dal gip Lucia Perra. Nella telefonata  Al Haj Amin dialoga con una o più persone attraverso un’applicazione Android per videochiamate e discute delle modalità con cui colpire un obiettivo e parla di bersagli da colpire, di missili Kornet e delle zone in cui effettuare gli esperimenti, citando anche Gaza. Due settimane prima l’uomo aveva fatto pressione sulla moglie per avere il suo passaporto e quello delle figlie, probabilmente perchè l’uomo voleva compiere l’attentato subito, per poi fuggire lontano grazie anche ai suoi legami con diverse persone all’estero.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
0 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: