Massimiliano Farci accusato di omicidio: movente economico

Si terrà lunedì mattina nel carcere di Bancali, a Sassari, l’interrogatorio di Massimiliano Farci, il 53enne di Assemini accusato di omicidio doloso, occultamento di cadavere, furto e indebito utilizzo del bancomat di Speranza Ponti, la sua fidanzata sassarese di 50 anni con cui gestiva la pizzeria Sergio’s di via XX settembre, ad Alghero. Assistito dall’avvocato Daniele Solinas, Farci dovrà rispondere alle domande del gip Antonello Spanu, che dovrà stabilire se convalidare il provvedimento cautelare sollecitato dal sostituto procuratore Beatrice Giovannetti, titolare delle indagini.

Intanto per gli inquirenti si affaccia sempre più l’ipotesi che il movente dell’assassinio sia di natura economica: la donna aveva venduto di recente l’appartamento di Genova, di cui era comproprietario l’ex marito, e aveva ottenuto un risarcimento da un’assicurazione. Una somma consistente, utilizzata in parte per prestare i soldi al compagno, così da consentirgli di realizzare il dehor della pizzeria.

Le indagini sono coordinate a distanza dal procuratore Gianni Caria e condotte dai carabinieri della compagnia di Alghero insieme al reparto investigativo del comando provinciale di Sassari e al Ris di Cagliari. (Ansa.it)

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: