Le ragazze  della pallavolo di coach Mazzanti cedono 3-1 alle campionesse d’Europa, interrompendo a 10 la striscia vincente. Ma è un ko indolore, con la Serbia al primo posto della Pool G e le azzurre seconde. Ora si attende la vincente di Olanda-Cina per conoscere il nome dell’avversaria in semifinale
Italia cede 3-1 (25-21, 25-19, 23-25, 25-23) alla Serbia nell’ultimo match della Pool G dei Mondiali di volley femminile, interrompendo così la striscia di 10 vittorie consecutive. Un ko indolore quello di Nagoya, con le azzurre che erano già certe del passaggio in semifinale. Le campionesse d’Europa si classificano così al primo posto del girone, lasciando le ragazze di coach Mazzanti al secondo, in attesa di conoscere il nome dell’avversaria di venerdì a Yokohama, che uscirà dalla vincente di Cina-Olanda. Se sconfitta doveva arrivare, non c’è stata partita migliore: il ct italiano ha ruotato le sue ragazze, concedendo anche qualche minuto di riposo alle titolari e facendo assaggiare il campo a chi finora aveva giocato meno o addirittura non aveva esordito. Dopo aver ceduto piuttosto nettamente i primi due parziali a causa di parecchi errori in ricezione, l’Italia ha alzato l’intensità a muro, mettendo in difficoltà l’attacco avversario. L’unica pecca è quella di non essere riusciti ad arginare Boskovic, autentico cecchino da 29 punti a referto. Bene anche la nostra Paola Egonu, galvanizzata dallo scontro con una delle migliori rivali del mondo, autrice di 28 punti. Ora un paio di giorni di riposo e di lavoro, in vista della semifinale di venerdì contro Olanda o Cina.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *