Monserrato. Ricerca, staminali e campioni dello sport in Cittadella

Cagliari. Questa mattina, venerdì 15 marzo, la Cittadella universitaria di Monserrato, ha ospitato l’UniStem day 2019 intitolato The moon doesnt exist. L’appuntamento scientifico internazionale dedicato agli studenti delle scuole superiori della Sardegna, ha approfondito i temi conoscenza, innovazione e ricerca con in primo piano le cellule staminali.
UniStem day 2019 è stato anche un momento di passione con la presenza di ospiti deccezione. Da Chiara Obino – cagliaritana, 43 anni, pluriprimatista su scala nazionale e internazionale di immersioni in apnea, dentista, sposata e madre di due figli – a Lucas Castro – argentino, centrocampista del Cagliari attualmente alle prese con la riabilitazione dovuta alla rottura del legamento crociato. Il duo ha catalizzato gli allievi. Siate sempre determinati e vogliosi di cogliere gli obiettivi che vi darete. Il mio prossimo appuntamento? Farò i campionati italiani a luglio a Cagliari, la vedo più difficile – ha detto Chiara Obino – per i mondiali in Honduras, mentre sarò allevento di Nizza. Il record? Tenterò i cento metri. Applausi. Anche da Castro parole motivanti: Studiare sarà la vostra forza, siate sempre curiosi e grintosi. Non avevo mai visitato la vostra Università, complimenti. La musica? Cagliari, col suo mare, per me è fonte di ispirazione, a breve uscirà il mio secondo disco. Sul Cagliari, fatto lin bocca al lupo ai compagni, in campo stasera contro la Fiorentina, poche storie e una notiziona per tifosi e sportivi: Sto recuperando bene, credo che rispetto alle previsioni di stagione finita, riuscirò a giocare qualche partita prima della fine del campionato. I due sono stati sommersi dai ragazzi, tra selfie, foto e abbracci. Insomma, due ottime storie di sport dal volto sincero e umano.
Aria positiva e coinvolgente dai circa 400 ragazzi provenienti delle quarte e delle quinte dei licei e degli istituti Alberti, Euclide, Michelangelo, Convitto nazionale e De Sanctis-Deledda di Cagliari, Brotzu e Primo Levi di Quartu, Giua di Assemini, Piga di Villacidro, Emanuela Loi e Gramsci- Amaldi di Carbonia, Asproni e Fermi di Iglesias.
La giornata – coordinata da Micaela Morelli e Iole Tomassini – si è aperta con un avvincente filmato: una rock session eseguita dai robot. A seguire, il collegamento audio con le Università di Potenza e Granada. Quindi spazio alle relazioni con gli specialisti dellateneo del capoluogo Valeria Sogos (Le cellule staminali: biologia e applicazioni), Carlo Carcassi (Le cellule staminali in medicina: a che punto è la ricerca biomedica?) e Alessia Zurru (Concorso Reporter di UniStem day 2019). Su L’antiscienza, la pseudo scienza e la falsa scienza: un’ipoteca sull’innovazione e il futuro dell’Italia è intervenuta Eugenia Tognotti (Università di Sassari). Mentre Alessio Squassina (Università di Cagliari) ha dibattuto su Geni e ambiente: chi è responsabile delle mie azioni?. La seduta è stata chiusa dai quesiti per gli ospiti coordinati dalle studiose Alessandra Pani e Maria Elena Marongiu. UniStem day 2019, grazie ai tecnici Drsi (Direzione reti e servizi informatici) dellateneo di Cagliari, è andata in streaming sulla pagina http://vconf.garr.it/econfportal-hd-shib/www/streaming/?conf_id=18&pin=1234.
Curato dal Centro UniStem a partire dal 2009, l’evento è un’occasione per apprendere, scoprire e confrontarsi su conoscenza e innovazione a partire dalla ricerca sulle cellule staminali hanno spiegato le professoresse Morelli, pro rettore Ricerca scientifica, e Tomassini. LUniStem day si sviluppa tra lezioni, filmati, visite ai laboratori ed eventi ricreativi. I ragazzi incontrano contenuti e metodi della scienza e scoprono che la ricerca è divertente e favorisce relazioni personali e sociali costruite su coraggio, prove e integrità ha commentato Iole Tomassini. L’undicesima edizione con il coinvolgimento di trentamila studenti di novantanove atenei e centri di ricerca e trecento scuole superiori in quattro continenti. Con gli studenti di Australia, Austria, Colombia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Singapore, Spagna, Svezia e Ungheria in prima fila.
UniStem è il Centro di ricerca sulle cellule staminali dell’Università di Milano. Fondato nel 2006 dalla senatrice a vita e scienziata Elena Cattaneo e dagli scienziati Giulio Cossu, Fulvio Gandolfi, Yvan Torrente e Giuseppe Testa. Il Centro integra, coordina e promuove l’accesso alle informazioni sullo studio delle cellule staminali e del loro potenziale applicativo. UniStem Day si inserisce tra le attività di divulgazione scientifica sulle cellule staminali promosse dal Centro UniStem. L’evento nasce con la collaborazione della Fondazione Tim. Nata nel 2008, la Fondazione esprime i principi etici, il forte impegno di responsabilità verso la comunità e lo spirito di innovazione di Tim.

print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *