Musica, Ludovico Einaudi: “Underwater” emoziona Tharros.

0 0
Read Time:1 Minute, 1 Second

Semplicemente magico. Quando la musica incontra storia e ambiente, il concerto (il secondo in Sardegna) di Ludovico Einaudi non può definirsi diversamente.

Nella suggestiva e magnetica cornice delle rovine di Tharros, il maestro piemontese porta il suo ultimo album “Underwater” ( e non solo), un lavoro che sa di spazio libero senza confini, di un tempo senza tempo. E il mare del Golfo di Cabras, illuminato dagli astri, pacifico e ospitale per alcune barche in rada, è il miglior scenario ipotizzabile.

E’ a lui che il pianista rivolge il suo sguardo e il suo pianoforte. Alle sue spalle, 1700 spettatori seduti sulla collina di sabbia, fanno il pieno di emozioni e per alcuni di essi, l’estasi è più che a portata di mano: basta sdraiarsi, guardare il cielo e ascoltare.

In un silenzio quasi d’obbligo, Einaudi, Redi Hasa (violoncello), Federico Mecozzi (violino) e Francesco Arcuri, (elettronica e percussioni) riescono a “portare lontano” sopratutto chi è dotato di orecchio sensibile. In due ore si susseguono note morbide, calde e profonde. .

“Divenire”, “Experience”, “Nuvole Bianche”, “Primaver”,a titolo di esempio, sono canzoni che ogni persona può associare al proprio stato d’animo. Einaudi, pertanto, riesce nel suo intento: far parlare e cantare il pianoforte.

print
Happy
Happy
0 %
Sad
Sad
0 %
Excited
Excited
100 %
Sleepy
Sleepy
0 %
Angry
Angry
0 %
Surprise
Surprise
0 %

About Post Author

Average Rating

5 Star
0%
4 Star
0%
3 Star
0%
2 Star
0%
1 Star
0%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: